Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

I sei scrittori veneti dell'estate

Autore: Francesca Visentin
Testata: Corriere del Veneto
Data: 26 giugno 2017

Sei consigli di lettura. Sono romanzi scelti tra le novità in libreria, già «promossi» a pieni voti dai lettori: tutti con ottimi riscontri di gradimento. Libri belli, insomma. Molto belli. Dove la scrittura è fluida, intensa, trascina tra le pagine senza annoiare mai. In questa selezione ci sono gli scrittori veneti «superstar», nomi dalla penna che lascia il segno. Matteo Strukul, best-seller e caso letterario internazionale. Matteo Righetto con il nuovissimo romanzo uscito da pochi giorni e già tradotto in 12 Paesi. Antonia Arslan, raffinata intellettuale, testimone del popolo armeno, scrittrice che ha venduto milioni di libri in tutto il mondo. Giovanni Montanaro che cesella ogni libro come un gioiello. Massimo Cuomo, autore che non delude e con il suo ultimo romanzo dalle atmosfere alla Marquez si è superato. Tra i consigli anche una scrittrice che veneta non è, Michela Marzano, ma il suo è forse il libro più commovente dell’anno. A Carta Carbone festival a Treviso dove Marzano sarà protagonista il 14 ottobre c’è già grande attesa.

La domanda di Santiago, osservando il fratellino nella culla oltre il vetro, è una soltanto: “Perché è così bello?”». La bellezza e il rapporto tra due fratelli, uno di bellezza «miracolosa e divina», l’altro, il maggiore, che scompare al confronto, è al centro del nuovo romanzo dello scrittore veneziano Massimo Cuomo Bellissimo (edizioni e/o 264 pagine, 17 euro). Una narrazione magica, che si snoda tra amore, dolore, avventure, fughe, ritorni, conflitti, abbandoni e porta a rivivere le atmosfere sognanti dei romanzi di Garcia Marquez. La relazione tra i fratelli, amore, odio, un sentimento che trascina a grandi passi verso un destino finale e rivoluzionerà ogni aspettativa. Chi è vittima e chi è carnefice in questa storia? Un libro trascinante, da leggere d'un fiato.