Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Il Giappone è vicino

Autore: Errico Passaro
Testata: Il Borghese
Data: 31 ottobre 2017

(...) Da ultimo, si impone all'attenzione della critica Il giovane robot di Sakumoto Yosuke (E/O). qui troviamo il robot del titolo, creato da uno scienziato geniale, che si dissimula tra gli umani e li spia con il compito ultimo di renderli felici. L'artificio narrativo, tipico della narrativa fanta-scientifica, consente all'autore di porsi con distacco rispetto alla società che descrive e di rappresentarla con crudele, a volte sarcastico, realismo. Anche qui il Giappone ne esce ridimensionato, ma - qui lo diciamo e qui lo confermiamo - ogni opera di decostruzione rafforza, in realtà, il mito che si vorrebbe sfatare, lo legittima, lo rinnova nel momento in cui si vorrebbe solo esorcizzarlo. Il giovane robot è un signor libro: si vede che è scritto in scioltezza, srotolandosi tra scene pensose e altre più esilaranti. L'autore ha assorbito Asimov e le sue novelle robotiche, ma lo rende con un tocco di grazie manca al grande Isaac. Anche se non è nel who's who mondiale della fantascienza, Yosuke si dimostra un costruttore di storie: può fare progressi, ma già ora non scrive mai cose banali e le sue proiezioni futuristiche lo fanno salutare come una promessa della science-fiction.