Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Il giovane robot

Testata: Il profumo delle parole
Data: 24 gennaio 2018
URL: https://ilprofumodelleparole.blogspot.it/2018/01/il-giovane-robot-recensione.html

Il tema della felicità non viene affrontato spessissimo nei romanzi anzi, è troppo sottovalutato a mio parere. Ma nella storia questa emozione è il fulcro da dove si origina tutta la vicenda del nostro protagonista.

La storia è quella di un ragazzo, o meglio dire, di un robot. Un robot che prende l'aspetto di un ragazzo di 15 anni il cui nome è Tezaki Rei, che deve frequentare la scuola come ogni ragazzo della sua età deve fare. Un robot che viene creato per uno scopo e cioè quello di rendere felici le persone.

A mio parere questo scopo, rendere felici e sereni gli uomini, è un tema meraviglioso! Peccato solo che l'autore non sia riuscito a dargli la giusta importanza nella storia. Ho notato che è andato concentrarsi più sul lato "tecnico" della storia e poco sul lato "emotivo" ed è un vero peccato.

Ma una cosa che mi è piaciuta particolarmente della storia è che l'autore ha pensato a questo robot non come una macchina qualsiasi che si deve solamente concentrare sul suo obiettivo e tralasciare dietro di sé tutto il resto ma al contrario, è riuscito a far nascere e poi evolvere sempre di più dei sentimenti in Rei. A fargli capire che esistono cose più importanti rispetto al ragionamento e la logica.

Lo stile di scrittura di Sakumoto Yosuke è estremamente semplice e coinciso.

Durante il corso della lettura mi sembrava proprio di leggere un vero e proprio manga (fumetti giapponesi) sotto forma di romanzo. Questa sensazione che ho provato è stata piacevole perchè mi ha fatto tornare ai tempi in cui leggevo tantissimi manga e guardavo moltissimi anime (cartoni animati giapponesi) e mi ha ricordato il perchè amo così tanto questo paese.

Quindi da una parte mi ha fatto tornare nostalgica però esiste una parte che mi ha lasciata un po' confusa. Mi spiego meglio, mentre leggevo la storia mi capitava di rimanere interdetta su alcuni passaggi del libro e questo mi ha un pochino rallentato la lettura ma probabilmente la colpa è mia visto che in quel periodo ero l'ansia fatta in persona per via di dell'esame di psicologia ma questa è un'altra storia ahahah!

Ma tornando alla recensione del libro, una cosa che mi ha stupita, non positivamente, è quello che accade più o meno all'inizio della storia! Succede un fatto in cui Rei sarà sulla bocca di tutti (anche questo non in modo positivo) e vediamo come i suoi compagni di classe cambieranno totalmente il pensiero che si erano fatti di lui chiamandolo in termini molto, a mio pareri, pesanti. Non ha scombussolato solo Rei ma anche me.