Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Fidanzati dell’inverno – L’attraversaspecchi

Testata: Anima in penna
Data: 17 luglio 2018
URL: https://ilaylaura.wordpress.com/2018/07/17/fidanzati-dellinverno-lattraversaspecchi/

Che dire questo libro mi ha letteralmente conquistata.

Stupendo, incredibile, originale, per niente scontato, completamente diverso dalle altre storie fantasy.

Occorre precisare che l’inizio del libro è alquanto confuso.

Prima di avere un’idea generale della geografia del luogo e dei poteri dei personaggi, il lettore deve aspettare diversi capitoli e questo, all’inizio, crea un po’ di confusione.

Ofelia vive su un’arca. Ogni Arca è come se fosse una città sospesa sopra il nucleo della terra che ormai è invivibile.

Per spostarsi da un’arca all’altra occorre prendere dei dirigibili.

Ogni arca ha un suo creatore che è come se fosse un piccolo dio immortale e in ogni arca ci sono diversi poteri.

Poste queste premesse, la storia inizia ad acquisire senso. Anche se molti dubbi li ho ancora adesso.

Ofelia viene data in moglie ad un’abitante di un’altra arca e questo la obbliga a lasciare il suo mondo sicuro e conosciuto per l’ignoto. In compagnia solo della sua zia zitella. Che contro ogni prospettiva si rivela essere la sua sola alleata.

Adoro il fatto che Ofelia non sia la classica eroina. Anzi ne è proprio l’antipodo. Non bella, sgraziata, ma comunque con una grande mente che l’aiuterà nel corso di questa avventura.

Mi è piaciuto molto il fatto che, sebbene il titolo del libro sia i fidanzati dell’inverno, l’amore non è al centro della storia, anzi Ofelia sembra non essere in grado di provare amore. In questo la storia va davvero controcorrente rispetto alle storie odierne.

La trama è a dir poco molto bella e studiata nei dettagli. Non ci sono momenti morti e tutto porta a comprendere meglio il susseguirsi degli eventi.

La vita di corte nell’arca del futuro marito di Ofelia è un labirinto di intrighi, bugie e finzioni. Le macchinazioni sono all’ordine del giorno, gli omicidi passano quasi inosservati.

Un nemico può nascondersi dietri gentilezza e simpatia.

I personaggi sono molto originali. La zia di Thorn a volte è una persona dolcissima, altre volte è capricciosa. Lo stesso Thorn a volte sembra distaccato altre volte sembra realmente affezionato alle persone accanto a lui. Non vengono riportati i classici stereotipi anzi.

Appena ho finito il libro sono rimasta con l’impellente desiderio di voler sapere come prosegue la storia. Sono quasi tentata di leggere il libro in francese.

Sono molto contenta che la storia non sia autoconclusiva e non vedo l’ora di leggere i prossimi libri, era tanto che non trovavo un libro fantasy così bello.

Devo davvero fare i complimenti all’autrice per la sua fantasia e il suo splendido stile di scrittura.

Il secondo volume che della saga non ha ancora una data di pubblicazione italiana e credo che non se ne parlerà prima del prossimo anno.

COPERTINA

Allora devo dire che subito la cover non mi ha detto niente come anche il particolarissimo titolo, ma leggendo il libro ho cominciato ad apprezzarne i riferimenti.

Concludendo una storia stupenda davvero originale che consiglio agli amanti del genere.

E voi l’avete letto? Fatemi sapere le vostre opinioni!