Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Gli infami falsi testimoni da "purgare" al ristorante

Autore: Tiberio Crivellaro
Testata: La Sicilia
Data: 24 luglio 2018

Dodici falsi testimoni, con la complicità del giudice e di un avvocato, sotto l'occulta regia di un politico corrotto in carriera di estrema destra, contribuiscono a far condannare a 25 anni Aristèides Albanese per un omicidio che non ha commesso. Uscirà dopo 17 anni per buona condotta. Ma è sua intenzione "purgare" gli infami, iniziando, allo stesso tempo, una nuova vita. Tornato a Trieste, apre un ristorante con l'amico di cella pachistano: il giovane Aarhas, anche lui condannato ingiustamente. È la trama di "Ostracismo" (E/O edizioni) di Veit Heinichen, scrittore tedesco che vive a Trieste e che racconta la vendetta culinaria di Aristèides che intende somministrare una pesante "purga" ai falsi testimoni meditando, a suo modo, vendetta sfruttando la grande abilità di cuoco. Lo aiuterà il commissario Laurenti che, durante il processo, promise la possibilità di aiutarlo e che ora decide di smascherare i falsi testimoni. L'ombra di D'Annunzio è un correlativo nostalgico dei responsabili che si meriterebbero una buona dose di ricino e manganello.