Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Questa Europa richiede sentimento

Autore: Beppe Severgnini
Testata: Corriere della Sera
Data: 19 maggio 2019
URL: https://www.corriere.it/opinioni/19_maggio_18/questa-europa-richiede-sentimento-cf18415c-797f-11e9-84cc-19261c23ea92.shtml

Le superstizioni sono irritanti, le coincidenze sono affascinanti. Stavo per scrivere questa rubrica intorno a due libri sull’Europa, e ho trovato, sulla pagina Facebook di Cristina Castagnoli - un’amica bergamasca e bruxellese (combinazione interessante) – il video di Lorenzino D’Angelo, nome d’arte (partenopea) del fiorentino Lorenzo Baglioni. Si chiama «UE!», ed è il tentativo di spiegare con sentimento e passione l’Unione europea. Come? Con la canzone neomelodica!, assicura l’autore. E lo dimostra, lanciandosi in una performance esilarante ed efficace. Vedere e ascoltare per credere.

Passione e sentimento. Per anni, un’esclusiva degli avversari dell’Europa. I sovranisti – convinti che i problemi comuni si risolvano restando divisi - saranno una minoranza, nel prossimo Parlamento europeo; ma una maggioranza in Italia, probabilmente. La Lega e Fratelli d’Italia sono chiari sullo schieramento; i Cinque Stelle, al solito, piuttosto confusi. Ma tutti s’iscrivono al partito anti-europeo (basta guardare gli alleati che si sono scelti).

 La novità, qual è? Che qualcuno si è svegliato, e sta svegliando altri. Sto leggendo, insieme, «Noi, l’Europa» (edizioni e/o), del francese Laurent Gaudé; e «Europa. La meglio gioventù» (ed. Neri Pozza) di Edoardo Vigna, formidabile chief-of-staff durante la mia direzione di 7-Corriere. I due libri sono diversi. Il primo è un poema, e ha versi come questi: «Il territorio è vasto / E noi non ci conosciamo. / Dobbiamo attraversarlo, sentirci europei per i chilometri percorsi / Guardate la nostra grande terra. / L’Europa della betulla e quella dell’ulivo, / L’Europa delle cattedrali e quella dei templi. / Al nord il mattone, / Al sud la calce. / Il fico e il mirtillo, / Tutto è vasto / E noi siamo fianco a fianco» (traduzione di A. Bracci Testasecca).