Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Frantumi

Autore: Giulio Milani
Testata: Internazionale
Data: 28 giugno 2019

Lungo il corso del 2018, mentre andava in onda la fiction tratta dall'Amica geniale, che ne consacrava il successo internazionale, Elena Ferrante ha accettato di scrivere una rubrica settimanale sul quotidiano britannico The Guardian in cui racconta di sé, del suo lavoro e della sua vita interiore. Ora questi testi sono pubblicati tutti insieme, accompagnati dalle belle illustrazioni di Andrea Ucini che ne rispecchiano il carattere semplice e misterioso. Vale la pena di leggerli con calma per varie ragioni. La prima è che, a parte le interviste, si tratta dell'ultimo libro di questa autrice. La seconda è che, come mostra La frantumaglia, Ferrante è anche una valente saggista. La terza, più importante, è che dopo l'abbondanza di parole, fatti e intrecci della saga che l'ha portata a diventare una delle scrittrici più lette al mondo, questi brevi scritti restituiscono al lettore appassionato la dimensione più sorvegliata e rarefatta della sua scrittura. Con frasi chiare e potenti, con un vocabolario che non esita a usare aggettivi come "opimo" e che, senza ulteriori spiegazioni, definisce la natura umana come "fangosa", Ferrante riesce a far risuonare in uno spazio più ridotto la voce unica che aveva colpito i lettori dell'Amore molesto e della Figlia oscura, facendo emergere il ricordo di un'impressione che quegli antichi lettori oggi trovano talvolta difficile condividere con i nuovi, entusiasti fan.