Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura del Canada

Joanna Gruda

Joanna Gruda

Joanna Gruda, è la figlia del protagonista di questo romanzo. Nata in Polonia, è arrivata all'età di due anni, in barca, a Trois-Rivière. Dopo aver studiato teatro e lavorato alcuni anni come attrice, è diventata traduttrice e redattrice. Il bambino che parlava la lingua dei cani è il suo primo romanzo.

Tutti i libri di Joanna Gruda

Ultime recensioni

  • Chi è Julek Gruda? Julek, si direbbe, è un bambino. E poi è un ragazzo. Ebreo. Uno strano essere di bambino, per la verità. Julek infatti ha, di base, non due, bensì tre genitori: una madre, Lena; un padre, Emil; e una grande mente, il Partito comunista della Polonia.
    — Stato Quotidiano, 17 novembre 2014
  • Se c’è un argomento che va sempre, e verrebbe da dire per fortuna, è quello relativo ai fatti accaduti durante la Seconda guerra mondiale, con in particolare le vicende di sopravvivenza o annientamento del popolo ebraico. Un filone meritorio e interessante, dove però non...
    — Liberi di scrivere, 29 maggio 2014
  • Commovente fino alle lacrime, ma anche ironico e divertente Il bambino che parlava la lingua dei cani racconta la vera storia di Julek Grude un ragazzino polacco la cui nascita viene messa ai voti nel corso di una riunione clandestina del partito comunista. Una venuta al mondo...
    — Polizia Moderna, 18 aprile 2014
  • LA STORIA, quella vera, supera spesso la fantasia. È quel che avviene con Julek, l'incredibile protagonista dell'esordio di Joanna Gruda, nata in Polonia come suo padre, di cui racconta, con grazia, ironia e infinita leggerezza, l'avventuroso attraversamento del Novecento. Tutto...
    — La Repubblica, 30 marzo 2014
  • Un ragazzino racconta con disinvoltura, al tempo presente, la sua vita movimentata, incredibilmente rocambolesca, all'epoca della seconda guerra mondiale. Ma Il bambino che parlava la lingua dei cani non è propriamente parlando un'autobiografia. Si tratta piuttosto di un romanzo,...
    — Internazionale, 24 marzo 2014
  • “La mia storia comincia il 17 marzo 1929. Giorno importantissimo per me, perché è quello in cui la mia esistenza è stata messa ai voti”. L’incipit di questo romanzo, una storia vera, ci racconta subito che l’io narrante è Julek Gruda, un ragazzino nato da genitori...
    — SoloLibri.net, 4 marzo 2014
  • A decidere che Julek, giovane protagonista di questo romanzo, deve venire al mondo è una riunione del partito coto munista esiliato a Mcconsulente sca, di cui i turbolenti genitori fanno parte. Se poi questa nascita avviene pochi giorni dopo il giovedì nero del  famoso tracollo...
    — Rolling Stone, 1 marzo 2014