Login
Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura degli Stati Uniti

Michael Poore

Michael Poore

Michael Poore è un insegnante e vive nel nord-ovest dell’Indiana, negli Stati Uniti, con la moglie Janine e la figlia Jianna. I suoi racconti sono apparsi in varie antologie, ottenendo prestigiosi riconoscimenti (finalista al premio Sturgeon e al premio Pushcart, menzione nell’Year’s Best Science Fiction 2010). Parli del diavolo è il suo romanzo d’esordio, pubblicato negli Stati Uniti nel 2012, a cui è seguito Reincarnation Blues, già uscito in Italia per Edizioni E/O.

Tutti i libri di Michael Poore

Ultime recensioni

  • — ReadingCanSaveUs, 12 novembre 2020
  • Michael Poore è uno scrittore americano e vive a Highland, Indiana. Non è lontano da Chicago e Highland sembra da Google Maps un posto tranquillo in cui vivere: nel cuore del Midwest, parchi cittadini, tantissimo verde appena fuori città, il lago Michigan a due passi e quel...
    — Esquire, 12 novembre 2020
  • Un romanzo paradossale, una stupefacente e acida allegoria della società nata sulle rovine dell'utopia di Woodstock.
    — Rockerilla, 6 novembre 2020
  • Favola! La favola è una storia incantata dove i bambini immaginano un mondo migliore. Poore vuole raccontarci un mondo migliore? O vuole insinuare nel lettore un dubbio? Se il diavolo non fosse poi così cattivo? Poore ci racconta la storia di John...
    — Thrillernord, 5 novembre 2020
  • L’antieroe per eccellenza Al Diavolo piace tentare e lasciarsi tentare. Se è in grado di suonare il blues meglio di chiunque altro è perché nessuno conosce la perdita come lui, allontanato dal Paradiso e piantato in asso dall’angelo caduto con cui avrebbe voluto...
    — Silhouette Donna, 29 ottobre 2020
  • Dall’autore di Reincarnation Blues, un altro brillante e irriverente romanzo da leggere assolutamente. Lo si potrebbe definire una fiaba ma è una fiaba che ci regala anche una specie di viaggio nella storia. Insomma “Parli del diavolo” è un romanzo a diverse facce che...
    — Milanonera, 29 ottobre 2020
  • Che cosa sappiamo del diavolo? Sappiamo che è tentatore, che con le lusinghe e la manipolazione dei nostri desideri può condurci verso un luogo infernale. Sappiamo che un tempo fu un angelo bellissimo e amato che permise alla sua vanità di farlo sparire nelle spire di un mondo...
    — Movietele, 26 ottobre 2020
  • Certo che se me lo avessero detto prima che mi sarei appassionato alle avventure del diavolo non ci avrei mai creduto. Ed invece sì, ci avrei creduto, dei due (l’altro lo sapete tutti chi è) ho sempre trovato che il diavolo avesse più potenziale narrativo. Un’affermazione...
    — Senzaudio, 12 ottobre 2020
  • John Scratch assomiglia al diavolo. E in effetti John Scratch, che gira in limousine (ha guidato per anni quella dell’attentato a Kennedy) e ha i capelli neri raccolti in una coda di cavallo, è proprio il Diavolo. Personaggio a dir poco originale di cui scopriamo parecchie...
    — Marie Claire, 12 ottobre 2020
  • Sarebbe così strano se il Diavolo fosse una persona reale? Una persona che vive e vegeta in mezzo a noi? Sarebbe così strano se non fosse quello spaventoso ba-bau che ci ha inculcato la Chiesa e il pensiero cattolico in generale? Queste sono le domande che mi sono venute...
    — La Libreria di Ciffa, 9 ottobre 2020
  • Nel mese di Halloween non può mancare qualche lettura tematica e dai risvolti...diabolici. Se avete amato il libro Buona apocalisse a tutti! scritto a quattro mani da Terry Prachett e Neil Gaiman (e diventato una serie molto amata dal pubblico), il libro che fa per voi l'ha...
    — Frasi, 1 ottobre 2020
  • Speculare sul senso della vita vi opprime? Allora questo è il libro giusto per affrontare la cosa: introduce una metafisica tutta sua, ma è impastato di un'ironia, di una "levità intelligente" capace di far digerire anche le prospettive più inquietanti. Racconta la storia...
    — Comodini, 13 settembre 2019
  • L’arte di raccontare storie si avvale soprattutto di uno strumento: l’ignoto. Luoghi inesplorati, galassie lontane, le pieghe meno note della Storia, il futuro: terreni fertili per gli scrittori proprio perché oscuri, sconosciuti, aperti all’interpretazione e (perché...
    — Banda di cefali, 24 ottobre 2018
  • Al centro del romanzo troviamo Milo, un’anima davvero antica: ha già vissuto 9.995 volte e non ha nessuna intenzione di smettere. Anziché cercare di raggiungere la perfezione, il nirvana, che gli sembra una cosa piuttosto noiosa, egli preferisce infatti continuare a vivere...
    — Hope and paper, 17 settembre 2018
  • A tu per tu incontra Michael Poore, un interessante e simpatico scrittore americano. Per thrillernord abbiamo recensito il suo secondo romanzo Reincarnation blues. Da cosa è nata l’idea di sviluppare la storia sulla reincarnazione? Cosa l’ ha ispirata? Durante...
    — ThrillerNord, 30 agosto 2018
  • La prima vita Milo l’ha consumata circa nel 2600 A.C. presso il fiume Indo. Dopo la morte in età giovanile si è reincarnato oltre novemila volte, vivendo esistenze di ogni genere e affrontando morti piacevoli o cruente: è morto congelato, è affogato, è stato dilaniato...
    — Mangialibri, 27 maggio 2018
  • Milo è tra le più antiche delle anime, si è reincarnato 9.995 volte e, mai una volta, ha vissuto una vita tate da poter raggiungere la Perfezione e diventare cosi una SuperAnima. Perché nel mondo ultraterreno di Reincarnation Blues di Micheal Poore, ogni anima ha 10mila possibilità...
    — Leggere: tutti, 18 aprile 2018
  • — ReadingCanSaveUs, 14 aprile 2018
  • Ho finito il libro da poche ore e sono ancora un po’ intontito. Mi aspetterei di trovarmi in riva ad un fiume, con l’acqua che mi lambisce le gambe e i ricordi delle centinaia, o migliaia, delle mie vite precedenti che cominciano ad affiorare nella mente come in un dopo sbornia…...
    — Altroquando, 5 aprile 2018
  • Reincarnation Blues di Michael Poore: quando l'aldilà è un'incredibile storia da raccontare
    — Gazzetta di Parma, 27 marzo 2018

Letteratura degli Stati Uniti