Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Ninfee nere di Michel Bussi ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️

Testata: Guardo libri leggo film
Data: 27 aprile 2017
URL: https://moviesbooks.wordpress.com/2017/04/24/ninfee-nere-di-michel-bussi-%E2%AD%90%EF%B8%8F%E2%AD%90%EF%B8%8F%E2%AD%90%EF%B8%8F%E2%AD%90%EF%B8%8F%E2%AD%90%EF%B8%8F/

Tre donne, in tre fasi della vita diverse, una bimba, una adulta e un’anziana. Un piccolo paese Giverny, dove uno dei più grandi pittori impressionisti Claude Monet ha vissuto dal 1883, fino alla sua scomparsa nel 1926. Qui, dove i quadri del maestro si possono ammirare in natura, e dove arrivano pittori e turisti da tutto il mondo, accade l’impensabile: un omicidio, anzi due, una serie di eventi rimasti senza risposta nel passato. La piccola realtà, rimasta sempre uguale come un’incantevole cartolina, nasconde atroci misteri.

Come l’ho letto io

È un noir il romanzo di Michel Bussi, ma è anche una lezione di storia dell’arte, una guida alla scoperta di luoghi, immagini, aneddoti e amori senza tempo.

Quest’autore, che è anche un professore di geografia, racconta luoghi e spazi in modo speciale, lasciando dentro ognuno il desiderio di visitarli, di vederli dal vivo.

Nella trama, la calma e la serenità della ridente cittadina sono offuscate da un omicidio terribile, il corpo viene ritrovato nel ruscello di Monet, nella sua tasca poche parole:

Acconsento che si instauri il delitto di sognare

Un ispettore giovane e impetuoso, Sérénac, non del posto, convinto di avere già identificato il colpevole. Ma, tutto è complicato da un colpo di fulmine con l’incantevole maestra del paese, Stephanie, deliziosa con i suoi occhi color malva. Nell’ombra, una donna anziana e acida assiste a tutto e giudica, è un fantasma che nessuno vede.

E poi c’è il mulino ritratto nei quadri di Monet, soprannominato il mulino della strega e Neptune, un buon diavolo di cane, affettuoso e invadente e che sa tutto. Una bimba, Fanette, con passione e talento per la pittura, sta per realizzare un quadro delle ninfee straordinario, che la porterà direttamente a vincere il concorso e a lasciare Giverny.

I pochi abitanti si conoscono tutti e nel villaggio il tempo sembra essersi fermato, dopo essere entrato nei dipinti di Monet .

A viaggiare, qui, sono le pietre e i fiori.

E’ un thriller carico di mistero, di difficile, se non impossibile, soluzione e soprattutto molto originale. È come se lo scrittore ci faccia entrare in un quadro, cogliamo continui scorci, prospettive diverse, piccole tracce, ma gli angoli bui, continuano a rimanere celati. E alla fine nulla sarà come ve lo aspettate.

La lettura è molto stimolante e affascinante, le pagine scorrono veloci, rapiti dalle descrizioni, dai personaggi che si espongono, poi si nascondono. L’autore riesce a realizzare un piccolo e sottile capolavoro, delicato e pieno di magia.

Osservare e immaginare. Come i pittori.

Ninfee nere è stato il giallo che nel 2011 ha ricevuto il maggior numero di premi in Francia.

Consigliato

Amate i gialli? L’arte? La storia? La geografia? L’amore.? La poesia? Questo è il vostro libro. Siete pronti e allora chiudete gli occhi, contate lentamente 3,2,1 e….