Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Autori italiani

Gino Battaglia

Gino Battaglia

Gino Battaglia è nato a Roma nel 1954. Laureatosi in Filosofia ha lavorato alla RAI, curando rubriche di carattere culturale e sociale, e ha svolto attività giornalistica per diversi periodici, occupandosi di temi sociali e religiosi. Ha viaggiato molto, soprattutto in Asia, svolgendovi anche studi e ricerche. Si è inoltre occupato di temi di marginalità sociale, impegnandosi anche personalmente, come nel caso dei rom, in iniziative di solidarietà con la Comunità di Sant’Egidio. Ha insegnato Storia dell’Asia presso l’Università per Stranieri di Perugia. Attualmente è docente del Master in scienza, filosofia e teologia delle religioni dell’Istituto Religioni e Teologia (ReTe) della Facoltà di Teologia dell’Università di Lugano. Il suo precedente romanzo, Malabar, è stato selezionato nel 2011 fra i 12 del Premio Strega.

Tutti i libri di Gino Battaglia

Ultime recensioni

  • L'intervista è disponibile a questo link.
    — Julie News, 23 marzo 2015
  • Molto si è scritto sulla Shoah, ma sul Porrajmos – lo sterminio di circa mezzo milione di rom e sinti nei campi nazisti – quasi nulla. Mancano soprattutto le fonti dirette. Il protagonista del romanzo di Gino Battaglia «La fortuna di Dragutin», per quanto grande sia...
    — Confronti, 2 marzo 2015
  • Qual è la fortuna di Dragutin? È l’in­terrogativo che il lettore si pone già all’i­nizio del libro e la cui risposta scoprirà a poco a poco. La sua fortuna è la stessa vita, la sua esistenza, iniziata fin da bam­ bino, quando sopravvive alla persecuzio­ne...
    — Rassegna di Servizio Sociale, 26 novembre 2014
  • L'orizzonte modesto e, insieme, epico del quotidiano; la ciclicità dell'attesa; i riti immodificabili; i miti amplificati dalla vox populi. E ancora: il senso tragico della precarietà; la memoria che, generazione dopo generazione, si trasmette nelle kampine; l'opposizione tra...
    — Il gazzettino di Parma, 5 novembre 2014
  • — Città Futura, 4 novembre 2014
  • Come una telecamera che segue, discreta e partecipe, la vita di un campo rom, nella periferia di un’indefinita città italiana. Tre anni dopo Malabar, che entrò tra i finalisti dello Strega, Gino Battaglia, gesuita della Comunità di Sant’Egidio, conferma le sue...
    — Zoom Sud, 21 ottobre 2014
  • Dragutin Jovanovic è sfuggito, ancora bambino, allo sterminio nazista dei rom. Nella sua storia, i più scorgono il marchio di un destino benigno che lo ha preservato fino a oggi, ormai anziano ma ancora punto di riferimento di un esteso campo rom italiano. Attorno a lui,...
    — Caffeina magazine, 10 ottobre 2014
  • Dragutin è un vecchio patriarca che guida un campo nomade in Italia. Da ragazzino in Serbia, suo paese d'origine, sopravvisse alla furia nazista, rimase solo e nella solitudine trovò la forza di ricominciare. Padre, madre, sorelle e fratelli tutti morti, anzi "eliminati";...
    — Indice libreria Piano di Sorrento, 30 settembre 2014
  • Chi sono i rom? Quelli da cui proviamo a tenerci alla larga in strada, in metropolitana o negli autobus? O sono altro? Leggere l’ultimo romanzo di Gino Battaglia ‘La fortuna di Dragutin’ Edizioni e/o) offre la possibilità di dare qualche risposta in più a queste domande.
    — La Stampa, 22 settembre 2014
  • Qualche volta la fortuna gio ca strani scherzi. A Dragutin tutti ripetono che è stato fortunato a salvarsi la vita. Ma il vecchio serbo continua a chiedersi se può chiamarsi fortuna l'essere rimasto piccolissimo sen za genitori né fratelli, povero co me nessuno, per poi...
    — Roma, 22 settembre 2014
  • La fortuna è un faro, per gli zingari, mica solo il rito della lettura dell amano. Nella loro vita fatta di precarietà prima di tutto esistenziale, è il deus ex machina che scansa la sciagura, ma anche la mano di Dio posata sulla testa. E non risulti blasfemo l'accostamento.
    — Il Tempo, 8 settembre 2014
  • Rom significa «uomo», e Dragutin Jovanovic, rom serbo, uomo lo è diventato molto presto. Ancora bambino, per un soffio è sfuggito ai nazisti, ma ha visto morire fratelli e sorelle. Oggi è il patriarca rispettato di un piccolo gruppo di famiglie insediatosi in un esteso campo...
    — Il Mattino, 31 agosto 2014
  • Intervista di   Gino Battaglia   di   Veronica Fantini   (30 Luglio 2014) Gino Battaglia ci conduce tra le kampine di un campo rom, ai margini di una metropoli italiana e della società, dove si dipana il destino della famiglia di Dragutin e dei...
    — Feedbooks, 30 luglio 2014
  • Come nel film Io Rom Romantica anche ne La fortuna di Dragutin (Edizioni e/o) il nuovo romanzo di Gino Battaglia (già autore di saggi come Europei senza patria, storie di Rom) c'è un personaggio nuovo, dirompente, una ragazza che «vuole fare di testa sua», come...
    — Left, 26 luglio 2014
  • Una comunità di rom, con le sue regole e le sue tradizioni, raccontata dall'anziano patriarca.
    — Internazionale, 26 luglio 2014
  • L’ultimo romanzo di Gino Battaglia, prete della comunità di Sant’Egidio, mette in prosa anni di familiarità con il popolo rom “È la festa!”, si dice Dragutin. “È Dio che è contento di noi. Quanti giorni passati come un senzadio! Per un giorno pensiamo a lui. E,...
    — La Stampa, 26 luglio 2014
  • Ho un debole per un’etnia, per i rom, nella vita, come nella professione. E aspettavo che qualcuno ne raccontasse in narrativa, un gagò o gagè, uno che viene da fuori, nella loro lingua, con lo spirito esatto, intraducibile se non per pochi eletti. Così Gino Battaglia...
    — Veronica Tomassini, 12 luglio 2014
  • Dopo averci raccontato con Malabar (20ll, selezionato per il premio Strega), la complessa preparazione dell'attività missionaria di Matteo Ricci in Cina, don Gino Battaglia ora torna al romanzo affrontando il tema della condizione dei rom, che conosce a fondo, occupandosi...
    — Avvenire, 11 luglio 2014

Autori italiani