Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Autori italiani

Amedeo La Mattina

Amedeo La Mattina

Amedeo La Mattina è nato a Palermo e vive a Roma. Laureato in Giurisprudenza, ha studiato giornalismo alla Luiss. È stato inviato dell'agenzia Ansa e dal 2000 lavora come giornalista politico presso la redazione romana della Stampa. Nel 2011 ha pubblicato presso Einaudi Mai sono stata tranquilla, sulla vita di Angelica Balabanoff. L'incantesimo delle civette è il suo primo romanzo.

Tutti i libri di Amedeo La Mattina

Ultime recensioni

  • L'incantesimo delle civette di Amedeo La Mattina è il libro del giorno di Fahrenheit. Ascolta la trasmissione.
    — Fahrenheit - Radio 3, 10 marzo 2017
  • Venerdì 21 ottobre sarà presentato all'auditorium "L'incantesimo delle civette" di Amedeo La Mattina (edizioni e/o), romanzo di formazione ambientato in un paesino della Sicilia al tempo in cui vi sbarcò il set di Damiani
    — L'Espresso, 20 ottobre 2016
  • È estate piena, la caldissima estate del 1967, siamo a Partinico, centro siculo di strade che stropicciano i raggi solari. Un ragazzino di quattordici anni, Luca, butta in aria libri e disciplina scolastica e si avventura nel mare dei sogni della sua età. Il calcio, il flipper,...
    — Chronica Libri, 18 ottobre 2016
  • Il viaggio si compie anche lavorando sulla memoria e traducendo i ricordi in romanzo. Lo scenario è un paese siciliano, Partinico. La data, il 1967. Il libro, “L’incantesimo delle civette”, di Amedeo La Mattina, pubblicato dalle edizioni “e/o”. Estate, scirocco. Tutto...
    — Il Giorno, 28 agosto 2016
  • Sarà un terremoto che gli sconvolgerà non solo l'estate, ma lo catapulterà dal sogno al mondo degli adulti: il modo per scoprire l'amore, il primo, grande e platonico, ma anche la mafia, parola che in paese non si può pronunciare.
    — F, 27 aprile 2016
  • Era un’estate di scirocco che neanche a nerbate il Signore avrebbe fatto scemare. Partinico giaceva sotto la calura e sotto i raggiri di un vento ostinato, che arrotolava covoni e bioccoli di polvere. Il tempo scorreva coi suoi ritmi viscerali, da sempre uguali a se stessi,...
    — Letteratitudine, 20 aprile 2016
  • Partinico, estate 1967. Un sonnolento paese siciliano si trasforma in un set cinematografico e i suoi trentamila abitanti già inseguono, con la fantasia, le scene di un western. Fingono di ignorare la vera trama, un anno dopo però quel film farà conoscere la mafia all’Italia...
    — Repubblica, 18 aprile 2016
  • Amedeo La Mattina, intervistato da Carlo Gallucci per il Tg5, racconta il suo romanzo L'incantesimo delle civette. Guarda il video.
    — TG5, 13 aprile 2016
  • Ci sono storie, incredibili e struggenti, che giacciono dentro di noi per decenni. Poi d'improvviso si risvegliano e la memoria si colora diventando un romanzo. Talvolta un bel romanzo. È capitato ad Amedeo La Mattina, giornalista politico della Stampa. Già saggista per Einaudi,...
    — Il Fatto Quotidiano, 13 aprile 2016
  • «L’incantesimo delle Civette» (Edizioni e/o) è il felice esordio nella narrativa di Amedeo La Mattina, giornalista siciliano oggi alla redazione romana della Stampa. Un romanzo che delinea, con prosa lieve e agevole, puntellata da incursioni dialettali che Camilleri ha fatto...
    — Il Tempo, 11 aprile 2016
  • Guarda l'intervista ad Amedeo La Mattina sul Tg1.
    — Tg1 Billy - Il vizio di leggere, 10 aprile 2016
  • Il cinema visto da Amedeo La Mattina Il Cinema, a Partinico, nell’estate 1967; quello con la “C” maiuscola: una troupe, un regista, tanta confusione e una dea, l’attrice Claudia Cardinale. Non sa dire se sia tutto vero quello che egli stesso ricorda e racconta;...
    — Recensioni Libri, 23 marzo 2016
  • Nel 1967 fu girato a Partinico "Il Giorno della civetta" tratto dal racconto di Leonardo Sciascia. Il ricordo del film con Claudia Cardinale e Franco Nero, è la suggestione emotiva e lo spunto del romanzo "L'incantesimo delle civette" di Amedeo La Mattina, appena pubblicato...
    — La Sicilia, 21 marzo 2016
  • "Passai con lei un'estate e poi non la vidi più"
    — Dipiù, 4 marzo 2016
  • Si vada per ordine. Alfabetico. E si componga un puzzle A per Autobiografia. L’estate dei quattordici anni di un giornalista e scrittore tra malinconia, amarezza e giusto un po’ di oleografia. B per Brancati. La sua donna di bellezza esotica e sensuale, tutta...
    — Barbadillo, 1 marzo 2016
  • Un altro giornalista esordisce nella narrativa con “L’incantesimo delle civette” (Edizioni e/o, 2016) un romanzo di formazione intenso e commovente: Amedeo La Mattina, giornalista politico de La Stampa, dedica all’estate del 1967, quando il narratore Luca Lamanna aveva...
    — Sololibri, 22 febbraio 2016
  • Tira un'aria da Nuovo cinema Paradiso, in L'incantesimo delle civette. E un po' di Marilyn, il delizioso film di Simon Curtis con Michelle Williams, dove si racconta di un giovane aiuto regista che si innamora della diva. Anche qui di amore si tratta, per una figura femminile...
    — Il Venerdì, 12 febbraio 2016
  • Nell’estate del 1967, un attimo prima del Sessantotto ma già in pieno clima di gap generazionale, Damiano Damiani porta a Partinico, in Sicilia, la troupe del Giorno della civetta (uno dei pochi film del regista che dopo tanti anni si possano rivedere senza imbarazzo). C’è...
    — Italia Oggi, 9 febbraio 2016
  • Sullo sfondo della provincia più remota di Sicilia, e filtrato da ricordi romantici, monellerie da via Pál e fumo di “Super senza filtro”, viene sgranandosi a perdifiato questo feuilleton rapidissimo e divertente, un turbinare d’immagini e personaggi, dialoghi e dialetto,...
    — Il Foglio, 9 febbraio 2016
  • Tra cinema e letteratura il quattordicenne Luca Lamanna, un'avversione innata per la scuola e una vocazione indomita per le battaglie campali alla maniera dei ragazzi della Via Pál, è a un romanzo sconosciuto a tutti che deve la rivelazione di un paesone siciliano del 1967,...
    — Repubblica Sicilia, 6 febbraio 2016

Autori italiani