Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura francese

Michel Bussi

Michel Bussi

Michel Bussi è l’autore francese di gialli attualmente più venduto oltralpe. È nato in Normandia, dove sono ambientati diversi suoi romanzi e dove ha insegnato geografia all’Università di Rouen. Ninfee nere (Edizioni E/O 2016) è stato il romanzo giallo che nel 2011, anno della sua pubblicazione in Francia, ha avuto il maggior numero di premi: Prix Polar Michel Lebrun, Grand Prix Gustave Flaubert, Prix polar méditerranéen, Prix des lecteurs du festival Polar de Cognac, Prix Goutte de Sang d’encre de Vienne. Nel 2016 le Edizioni E/O hanno pubblicato Tempo assassino, nel 2017 Non lasciare la mia mano e Mai dimenticare e nel 2018 Il quaderno rosso e La doppia madre.

Tutti i libri di Michel Bussi

Ultime recensioni

  • Michel Bussi è un autore francese originario della Normandia, dove sono ambientati parecchi dei suoi romanzi. Personalmente è il primo che leggo! La scelta è ricaduta su questo testo in modo del tutto casuale, perché, come spesso mi capita, sono stata attratta dalla copertina:...
    — Booklandia, 12 giugno 2019
  • Questo libro del giallista Michel Bussi è ambientato a Le Havre, la città della Normandia sull’estuario della Senna, il secondo porto di Francia per traffico di merci dopo Marsiglia. Le Havre è anche una bella città, con una spiaggia immensa davanti all’Inghilterra,...
    — In Viaggio, 1 giugno 2019
  • La struttura del romanzo è composta in modo che il lettore rimanga con il fiato sospeso non solo da un capitolo all’altro ma anche all’interno dello stesso, cambiando più volte punto di vista: quello degli ispettori e delle tre donne che ci vengono presentate fin dall’inizio.
    — IVG.it, 30 maggio 2019
  • Edito in Italia nel 2016 dalle Edizioni E/O e in ristampa nel 2018, Tempo assassino è – dopo Ninfee nere – il nuovo romanzo di Michel Bussi, che di mestiere fa il professore di geografia all’università di Rouen e attualmente è l’autore francese di noir più venduto...
    — La bottega del giallo, 6 maggio 2019
  • Malone ha tre anni e non si separa mai dal suo pupazzetto Guti. Guti gli racconta ogni sera una storia, di nascosto da Mamma-da, però. Perché mai? Perchè Malone deve ricordare tutto, deve imprimersi bene nella memoria tutte le storie, i luoghi e i fatti che la "mamma di prima"...
    — Le letture di Don Chisciotte, 3 aprile 2019
  • Ultimamente sto leggendo libri sempre più complessi da recensire. Questo era da tanto nei miei pensieri: più volte sono stata lì lì per comprarlo, fino a che, a Natale, con in mano la mia gift card, non ci ho più pensato e l’ho preso. Mai come questa volta, mi sono accostata...
    — Un libro tira l'altro, 17 marzo 2019
  • “L’abbiamo trovata piuttosto carina” in Francia era questo (On la trouvait pluto jolie) il titolo del romanzo, l’ultimo uscito di Michel Bussi, pubblicato nel 2017 dalla casa editrice romana Edizioni E/O che detiene i diritti del giallista francese, professore universitario...
    — Un libro tira l'altro, 14 marzo 2019
  • 6 novembre 2015. La sezione sicurezza dell’aeroporto di Le Havre-Octeville è in allerta: si cercano tre individui molto pericolosi, tra cui un sanguinario rapinatore, con tanto di foto dei ricercati affissa alle pareti. Di fronte all’hostess Jane, al di là del vetro, c’è...
    — Mangialibri, 4 marzo 2019
  • Due madri. Anzi, a dire il vero, più di due madri in questo nuovo romanzo di Michel Bussi che sembra ruotare intorno al tema della maternità, coinvolgendo tutti i personaggi femminili- l’ispettrice Marianne Augresse che sente ticchettare l’orologio biologico e vuole disperatamente...
    — Leggere a lume di candela, 22 novembre 2018
  • MaMalone - un bimbo di tre anni che parla con il suo pupazzo - sostiene che sua mamma non è veramente sua mamma e, sebbene appaia assurdo, Vasil Dragonman, uno psicologo infantile, decide di credergli, aiutato da Marianne Augresse, quarantenne funzionaria di polizia impegnata...
    — Rockerilla, 21 novembre 2018
  • Come può un bambino di tre anni e mezzo dichiarare di avere due madri? Questo è quello che sostiene Malone all’asilo, e alla luce di tali rivelazioni le maestre decidono di contattare lo psicologo infantile Vasil. Nessuno al di fuori di lui prende seriamente le affermazioni...
    — Contorni di noir, 19 novembre 2018
  • La doppia madre di Michel Bussi è un continuo alternarsi di disperazione e amore. I personaggi sono spinti a compiere le loro azioni da uno di questi due sentimenti. La trama è intricata e ci si rivela a poco a poco. Anche quando nella nostra testa siamo ormai sicuri di aver...
    — Milanonera, 7 novembre 2018
  • C’è un motivo per cui i francesi chiamano l’isola di Réunion, nell’arcipelago delle Mascarene, l’Île intense, l’isola intensa. Perché qui tutto è, appunto, intenso, a cominciare dalla natura lussureggiante, dalla gastronomia, fino al calore dell’ospitalità.
    — In Viaggio, 4 novembre 2018
  • Le Havre. Novembre 2015. La 39enne comandante di polizia Marianne Augresse, con il giovane strafigo vice Jean-Baptiste Jibè Lechevalier e il tenente 52enne pluripaterno Pierrick Papy Pasdeloup, sono sulle tracce dei ricercati e del bottino della rapina del 6 gennaio a Deauville;...
    — La bottega del Barbieri, 2 novembre 2018
  • Dei molti libri pieni di suspence e di finali a sorpresa a cui Michel Bussi ci ha abituato, confesso che questo mi ha colpito meno degli altri, pur riconoscendo allo scrittore francese, “il maestro del romanzo trompe l’oeil”, come è stato definito, una capacità di scrittura...
    — SoloLibri, 26 ottobre 2018
  • Una tappa imprescindibile di un qualsivoglia tour della Normandia è il piccolo paese di Giverny, un luogo diventato simbolo e testimonianza di uno dei più grandi pittori francesi, Claude Monet. Giverny è infatti il villaggio dove ha vissuto e operato il grande pittore e il...
    — Letture metropolitane, 22 ottobre 2018
  • Dopo “Ninfee nere” e “Il quaderno rosso”, Bussi si conferma una certezza in fatto di gialli ben articolati e in grado di spiazzare il lettore (e non una volta sola). L’inizio del romanzo è volutamente adrenalinico e caotico. Il lettore, pronti-via, si trova...
    — Thrillernord, 22 ottobre 2018
  • Nonostante i cattivi, è sempre meglio puntare sulla bontà, perché alla fine è quella che vince (p. 123). Quando ho scoperto che lo scrittore francese Michel Bussi aveva scritto un nuovo romanzo mi sono lasciata travolgere dalla curiosità e non ho potuto fare a meno di leggerlo;...
    — Critica letteraria, 13 ottobre 2018

Letteratura francese