Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura francese

Michel Bussi

Michel Bussi

Michel Bussi è l’autore francese di gialli attualmente più venduto oltralpe. È nato in Normandia, dove sono ambientati diversi suoi romanzi e dove insegna geografia all’Università di Rouen. Ninfee nere (Edizioni E/O 2016) è stato il romanzo giallo che nel 2011, anno della sua pubblicazione in Francia, ha avuto il maggior numero di premi: Prix Polar Michel Lebrun, Grand Prix Gustave Flaubert, Prix polar méditerranéen, Prix des lecteurs du festival Polar de Cognac, Prix Goutte de Sang d’encre de Vienne. Nel 2016 le Edizioni E/O hanno pubblicato Tempo assassino e Non lasciare la mia mano.

Tutti i libri di Michel Bussi

Ultime recensioni

  • Pensate un po', lo scorso anno c'era sempre lui al primo posto, con il suo splendido Tempo assassino, quest'anno ce lo rimetto con Mai dimenticare. Un autore che ho conosciuto da poco ma che è entrato di diritto tra i miei preferiti assoluti, soprattutto tenendo conto che scrive...
    — Un libro per amico, 30 dicembre 2017
  • Il nocciolo del romanzo e la soluzione del puzzle appaiono ancor prima che inizi? Giriamo pagina e troviamo una relazione della Gendarmeria Nazionale di Etretat (Normandia) che avvisa la Gendarmeria delle Vittime di Catastrofi (UGIVC) che il 12 luglio del 2014 a ovest di Yport,...
    — Libroguerriero, 29 dicembre 2017
  • Jamal Salaoui, atleta paralimpico, si allena correndo con una protesi lungo le falesie della Normandia. Lì, davanti ai suoi occhi una ragazza bellissima si getta dalla scogliera. Raffica di colpi di scena, Jamal è accusato di omicidio, e la ragazza, perché è identica a una...
    — Io Donna, 19 dicembre 2017
  • Michel Bussi è l’autore francese di gialli più venduto oltralpe. Grazie alle Edizioni e/o è ormai affermato ed amato anche in Italia. Mai dimenticare (16,50 euro) ci riporta nella “sua” Normandia, nelle favolose falaises che ne fanno un luogo unico al mondo. E come...
    — Trentino e Alto Adige, 17 dicembre 2017
  • Un maratoneta di origine magrebina cerca di evitare un suicidio: verrà accusato di omicidio, trasformandosi nel ricercato perfetto
    — Tuttolibri - La Stampa, 2 dicembre 2017
  • Yport. 12 luglio 2014. Frana un pezzo di falesia, evento non raro sulla costa normanna di fronte al Canale della Manica. Tra i blocchi caduti sulla spiaggia la gendarmeria rinviene ossa di tre scheletri umani con un diverso grado di decomposizione (morti in date diverse). Per...
    — Italiani, 30 novembre 2017
  • Dobbiamo riconoscere ai nostri cugini d’oltralpe alcune eccellenze: lo champagne, il foie gras, Coco Chanel e, nella categoria scrittori di gialli, Michel Bussi, di cui avevamo già parlato all’interno del blog qualche mese fa. Il caro Bussi è tornato in libreria con Mai...
    — The Opinion Leader, 30 novembre 2017
  • Non lasciare la mia mano, una storia ricca di colpi di scena ambientata nel Dipartimento d’Oltremare che la Francia ancora possiede in mezzo all’oceano Indiano, l’Isola della Réunion. “È pericoloso far risorgere il passato” due elementi che sintetizzano a meraviglia...
    — Letto, riletto, recensito!, 29 novembre 2017
  • Yport in Normandia. Le falesie bianche a strapiombo sul mare sono uguali a quelle che biancheggiano dall’altro lato della Manica. Jamal Salaoui, magrebino, si sta godendo qualche giorno di vacanza- lavora in un istituto di riabilitazione per ragazzi che hanno subito dei traumi.
    — Leggere a lume di candela, 29 novembre 2017
  • Ci sono libri che riescono a coniugare diversi generi letterari, offrendo al lettore una panoramica narrativa che interpreta il vero senso della letteratura. "Mai dimenticare", edito da Edizioni e/o, nell'incastro perfetto di una trama fitta, pur avendo i connotati di un poliziesco,...
    — Casa dei lettori, 28 novembre 2017
  • Cosa sarebbe in Natale senza un delitto sotto l’albero? Il primo dei consigli per letture e regali “in giallo” non può che essere il più recente caso del giallista più amato di Francia, che ha raggiunto e sfondato nella sola madrepatria la cifra impressionante di 450mila...
    — Mondo Fox, 27 novembre 2017
  • I premi letterari francesi, li ha vinti quasi tutti Michel Bussi, che scrive libri gialli che un critico di Le figaro definisce “meccanismi ad orologeria”. È vero: quando inizi la lettura sai che l’autore ti condurrà su terreni improbabili, ti trascinerà in avventure...
    — Sololibri, 27 novembre 2017
  • Yport. 12 luglio 2014. Frana un pezzo di falesia, evento non raro sulla costa normanna di fronte al Canale della Manica. Tra i blocchi caduti sulla spiaggia la gendarmeria rinviene ossa di tre scheletri umani con un diverso grado di decomposizione (morti in date diverse). Per...
    — La bottega del Barbieri, 22 novembre 2017
  • Scrittura non banale ma gradevole e, se ci si lascia coinvolgere nella trama dimenticando un tantino la verosimiglianza, il romanzo gira alla grande e si legge volando. Anche stavolta Bussi ha molto ben giocato la sua genialità di una storia facilmente accessibile, anche se...
    — Gli scrittori della porta accanto, 22 novembre 2017
  • Una ragazza è sull'orlo di una scogliera davanti ad un uomo. Quell'uomo è Jamal Salaoui. Il vestito della donna è fatto a pezzi, il suo viso è la personificazione della paura, ha da poco smesso di piangere, è evidente. Jamal agisce, cerca di parlarle, ma quando sembra aver...
    — Un libro per amico, 21 novembre 2017
  • Mai dimenticare che si sta leggendo un libro di Michel Bussi. Qualunque cosa succeda, bisogna continuare a leggere, anche quando sembra che la storia non stia in piedi o che la trama sia un groviglio che non si può disintricare senza giocare sporco. Non scoraggiamoci se ogni...
    — Bennyland, 21 novembre 2017
  • Se scrivere dei best-sellers è relativamente “semplice”, continuare a restare sulla cresta dell’onda romanzo dopo romanzo è ancor più complicato. Soprattutto se il genere che si è scelto resta sempre invariato: la narrativa gialla. I lettori si abituano ad un...
    — Thrillernord, 20 novembre 2017
  • «Non sono un genio, non sono nemmeno un artista. Sono semplicemente un artigiano, un professionista che lavora con pazienza, attento più alla trama che allo stile. Mi piace esattamente quel che piace ai lettori: i colpi di scena, le situazioni che si capovolgono all'improvviso...
    — Il Piacere della Lettura - QN, 19 novembre 2017
  • È in Normandia che Michel Bussi ambienta i suoi vendutissimi libri, diventati famosi (quasi) quanto i quadri di Monet. Del resto anche lui ama le ninfee, e saprebbe come portarle al cinema.
    — Vanity Fair, 15 novembre 2017
  • È uscito da poco il suo ultimo libro, in Italia sempre pubblicato dalle Edizioni E/O, ed è già boom per uno degli autori più amati. Stiamo parlando ovviamente di Michel Bussi. Nato a Louviers, nell'Alta Normandia in Francia dove ha ambientato molti dei suoi libri, è il secondo...
    — Tabook, 15 novembre 2017

Letteratura francese