Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letterature nord-africane, arabe e del Medio Oriente

Shukri al-Mabkhout

Shukri al-Mabkhout

Accademico, editorialista, traduttore e critico letterario, Shukri al-Mabkhout è nato a Tunisi nel 1962 ed è attualmente rettore dell’Università di Manouba. È autore di diversi saggi, e di due romanzi: L’Italiano, che nel 2015 gli è valso il più importante premio letterario per la narrativa araba, l’International Prize for Arabic Fiction, oltre al più prestigioso premio letterario tunisino, il Comar d’Or, e Baghanda, ispirato alla storia vera di un noto calciatore tunisino.

Tutti i libri di Shukri al-Mabkhout

Prossimi appuntamenti

Roma - Libri Come
19 marzo ore 15:00
Con Shukri al-Mabkhout, Parisa Reza e Sandro Ferri.

Ultime recensioni

  • L’International Prize for Arabic Fiction è il più importante premio letterario per la narrativa araba: questo romanzo se lo è aggiudicato nel 2015, e non si tratta di un riconoscimento come tanti, ma di una vera e propria attestazione dell’oggettiva, limpida e cristallina...
    — Mangialibri, 27 marzo 2017
  • Tunisi, tra gli anni ‘80 e i primi anni ‘90 che videro la fine del lungo governo di Bourghiba e il colpo di stato ‘medico’ (Bourghiba fu deposto per senilità) che portò al potere il generale Ben Ali. Anni intensi, perché la vecchiaia del Presidente a vita Bourghiba...
    — Leggere a lume di candela, 27 marzo 2017
  • CON L’ITALIANO, Shukri al-Mabkhout – editorialista, traduttore e critico letterario attualmente rettore dell’Università di Manouba – si è aggiudicato il più importante premio letterario per la narrativa araba, l’International prize for arabic fiction 2015. Il...
    — Il Reportage, 26 marzo 2017
  • Come testimonianza sulle illusioni perdute di una generazione che ha creduto nel confronto con l’Occidente e nel ruolo positivo della politica, in Tunisia e in generale nel Maghreb arabo, è una lettura necessaria.
    — L'Espresso, 26 marzo 2017
  • Quel giorno, al cimitero El-Zallaj di Tunisi era riunito l'intero vicinato: la famiglia affranta, i parenti arrivati dall'estero e tutti quelli che, da vicino e da lontano, avevano condiviso il lungo percorso di hajj Mahmud. Nel silenzio interrotto solo dalle grida di dolore,...
    — La Repubblica - Robinson, 26 marzo 2017
  • Vincitore dell’International Prize for Arabic Fiction 2015, L’Italiano di Shukri al Mabkhout, che esce ora da e/o nella traduzione di Barbara Teresi, racconta la parabola umana e politica di Abdel Nasser, cresciuto in una ricca famiglia di Tunisi, leader della protesta studentesca,...
    — Rai Letteratura, 20 marzo 2017
  • Dal romanzo che nel 2015 ha vinto il più importante premio letterario per la narrativa araba, l’International Prize for Arabic Fiction, ci si potrebbe attendere una presa di posizione o perlomeno una chiave di lettura dell’opaca situazione geopolitica del Nord Africa dopo...
    — Libero Quotidiano, 18 marzo 2017
  • Manifestazioni contro il potere statale, lotta per impedire l'avanzata degli islamisti e il sogno di una Tunisia migliore e libera. Sullo sfondo, una storia d'amore tormentata fra due giovani, Abdel Nasser e Zeina. La fotografia potrebbe essere quella della rivoluzione...
    — Ansamed, 17 marzo 2017
  • Il bell’Abdel Nasser, un ragazzo di buona famiglia nelle cui vene scorre sangue andaluso e turco, e che per il suo aspetto è conosciuto con il soprannome di “l’Italiano”, picchia l’anziano imam che sta celebrando il funerale di suo padre a Tunisi. Ma nessuno dei presenti...
    — Eastwest, 16 marzo 2017
  • Un affresco della società tunisina che attraversa la lunga stagione di potere di Habib Bourghiba, con le tante promesse di democrazia non mantenute, fino alla deriva apertamente dittatoriale di Ben Ali interrotta nel 2010 dalle proteste popolari della rivoluzione dei gelsomini
    — Il Manifesto, 16 marzo 2017
  • Un affresco sociale e particolare, un perfetto racconto denso di pathos e tensione; una scrittura ricca seppur mai ridondante, affilata e tesa come una spada.
    — Il mestiere di leggere, 14 marzo 2017
  • * * * * Ben scritto e strutturato! Buona giornata cari Lettori! Oggi parliamo di un romanzo particolare dall'ambientazione molto affascinante. L'Italiano ha per protagonista Abdel Nasser. La storia inizia al funerale del padre di Nasser, quando l'uomo preso da un...
    — La Fenice Book, 5 marzo 2017
  • Sullo sfondo della Tunisia tra anni 80 e 90, l'amore di un giovane rivoluzionario per una brillante studentessa di filosofia e la sua trasformazione in un disilluso giornalista di successo. Uno dei romanzi rivelazione degli ultimi anni, vincitore dell'International Prize for...
    — Il Venerdì di Repubblica, 24 febbraio 2017
  • Il romanzo di Mabkhout, quindi, fa i conti non solo con Ben Ali, ma anche con gli intellettuali di regime. E scava in un'epoca buia da cui i tunisini stanno ancora lottando per riemergere.
    — Internazionale, 24 febbraio 2017
  • Tra fermenti rivoluzionari, lotte contro gli islamisti e manifestazioni contro il potere statale, Shukri al-Mabkhout racconta la tormentata storia d’amore tra Abdel Nasser e Zeina, destinata a soccombere nello scontro con la dura realtà tunisinaL’italiano (edizioni E/O)
    — Il Libraio, 24 febbraio 2017
  • L’italiano è il nomignolo di Abdel Nasser. Un soprannome dettato dal bell’aspetto, dalle sembianze europee. Secondo alcune donne del villaggio, frutto di un desiderio proibito di sua madre per uno dei presentatori di Rai Uno – all’epoca l’unico canale italiano trasmesso...
    — L'Indice online, 21 febbraio 2017
  • L’Italiano e sua moglie Zeina, giovane berbera, figlia della politica paritaria di Bourghiba e perspicace filosofa, simboleggiano la gioventù tunisina che, tra gli anni ‘80 e ‘90, ha cercato la modernità e il progresso
    — Il Mattino di Napoli, 20 febbraio 2017
  • Poi un giorno di sei anni fa, la Tunisia è esplosa. Saranno g1i storici di domani a tirare le ultimissime somme delle primavere arabe, che da avenue Bourguiba sono dilagate in tutta la regione travolgendo l'ex dittatore tunisino Ben Alì ma anche il destino delle generazioni...
    — La Stampa Tuttolibri, 18 febbraio 2017
  • Nella Tunisia degli anni novanta, la storia di un amore e di un sogno rivoluzionario destinati a soccombere.
    — Internazionale, 17 febbraio 2017
  • Il romanzo vincitore dell'International Prize for Arabic Fiction 2015, finalmente tradotto in italiano da Barbara Teresi grazie alle Edizioni E/O.
    — Arab Press, 16 febbraio 2017

Letterature nord-africane, arabe e del Medio Oriente