Login
Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letterature africane

Mohamed Mbougar Sarr

Mohamed Mbougar Sarr

Mohamed Mbougar Sarr è nato in Senegal nel 1990 e vive in Francia. Ha pubblicato quattro romanzi: Terra violata (Edizioni E/O 2019, premio Ahmadou-Kourouma e Grand Prix du roman Métis), Silence du chœur (Présence africaine 2017, premio Littérature-Monde – Étonnants Voyageurs 2018), De purs hommes (Philippe Rey/Jimsaan 2018) e La più recondita memoria degli uomini (Edizioni E/O 2022, Premio Goncourt 2021).

Tutti i libri di Mohamed Mbougar Sarr

Prossimi appuntamenti

Le Edizioni E/O sono liete di annunciare che Mohamed Mbougar Sarr ha vinto il Prix Goncourt 2021 con il romanzo La plus secrète mémoire des hommes, presto pubblicato in Italia dalle Edizioni E/O.

Ultime recensioni

  • Il 14 ottobre del 2017 muore a Sévaré, in Mali, uno scrittore di cui pochi in Italia hanno sentito parlare. Yambo Ouologuem, considerato un astro nascente nella nascente letteratura africana, aveva ricevuto il premio Renaudot 1968 con Le Devoir de violence, ed era stato poco...
    — Africa rivista, 18 settembre 2022
  • Una doppia ombra, quella reale di Bolaño e quella finzionale del venerato scrittore T.C. Elimane, guida il cammino del protagonista e narratore messo in campo da Mohamed Mbougar Sarr: «La più recondita memoria degli uomini», premiato con il Goncourt in Francia nel 2021, romanzo...
    — Il Manifesto, 18 settembre 2022
  • «Un inno alla letteratura», l'ha definito il presidente dell'Académie Goncourt, Didier Decoin, lo scorso novembre. E in effetti La più recondita memoria degli uomini, arrivato in italiano da e/o, valso a Mohamed Mbougar Sarr il più prestigioso premio della francofonia,...
    — Corriere della Sera - La Lettura, 18 settembre 2022
  • Il quarto libro di Mohamed Mbougar Sarr racconta la storia di un giovane scrittore senegalese contemporaneo, Diégane Latyr Faye, che s'innamora di un libro di culto pubblicato nel 1938 e ora quasi introvabile, Il labirinto del disumano, e si mette sulle tracce del suo autore,...
    — Internazionale, 16 settembre 2022
  • T. C. Elimane ha scritto un libro magnifico, un libro che potrebbe spazzare via, per bellezza e costruzione, tutti gli altri. Per questo ora non si trova più, ma c’è anche un altro motivo dietro: chi lo legge ne diventa ossessionato. La recensione di Alessandro Tacchino...
    — MareMosso Magazine, 13 settembre 2022
  • Nel 2018 Diégane Latyr Faye, giovane scrittore senegalese, scopre a Parigi un libro mitico uscito nel 1938, Il Labirinto del disumano. Dopo lo scandalo seguito alla sua pubblicazione si sono perse le tracce dell'autore, definito all'epoca il "Rimbaud negro". Affascinato dal...
    — Fahrenheit - Rai Radio 3, 12 settembre 2022
  • C'è un'altra storia della letteratura (che forse è la vera storia della letteratura): «quella dei libri perduti in un corridoio del tempo, neanche maledetti, semplicemente dimenticati, i cui cadaveri, ossa e solitudini affollano i pavimenti di prigioni senza carcerieri e segnalano...
    — La Stampa - TuttoLibri, 10 settembre 2022
  • Gli aspiranti scrittori sono amanti mediocri, sostiene un'esuberante nera nel romanzo che ha vinto nel 2021 l'ultimo premio Goncourt, il primo dato a un autore dell'Africa subsahariana, e mai tanto giovane, 37 anni: partner modesti perché mentre fanno l'amore pensano già alla...
    — La Repubblica - Robinson, 10 settembre 2022
  • Un giorno, forse non troppo lontano, verrà effettuata una mappatura della influenza che un uomo compianto di nome Roberto Bolaño ha avuto sulla letteratura mondiale, partendo dal Sud America, per allargarsi al Nord America e all'Europa e ancora oltre. Il titolo ambizioso di...
    — D - Repubblica, 10 settembre 2022
  • «La letteratura non deve evadere dal mondo, deve mostrarlo». Mohamed Mbougar Sarr nei suoi romanzi riesce a farlo benissimo, tanto che, nel giro di pochi anni, questo scrittore trentaduenne, nato in Senegal e poi trasferitosi in Francia all'età di diciotto anni - si è imposto...
    — Il Venerdì di Repubblica, 9 settembre 2022
  • Nel labirintico “La più recondita memoria degli uomini”, Mohamed Mbougar Sarr, vincitore del premio Goncourt nel 2021, racconta la ricerca di uno scrittore fantasma, sfuggente e inafferrabile, che è insieme un atto d’amore verso la letteratura, i suoi pericoli e il suo...
    — Il Libraio, 7 settembre 2022
  • Il complimento migliore che si potrebbe fare al romanzo di Mohamed Mbougar Sarr è: non parla di niente. Infatti, ecco che cosa dice uno dei personaggi del suo La più recondita memoria degli uomini (e/o, pagg. 430, euro 19,50, traduzione di Alberto Bracci Testasecca; in libreria...
    — Il Giornale, 4 settembre 2022
  • «NON SI PUÒ VIVERE l'istante e scriverlo nello stesso momento» ricorda una scrittrice matura al giovane collega protagonista del romanzo La più recondita memoria degli uomini (ed. e/o) del senegalese Mohamed Mbougar Sarr. Il passaggio dà subito il mood: è una storia che...
    — Corriere della Sera - Style Magazine, 30 agosto 2022
  • Originario del Senegal, Prix Goncourt 2021 in Francia, Mohamed Mbougar Sarr appartiene innanzitutto al continente della letteratura: «Il continente in cui mi sento a casa», ha dichiarato questo talentuoso autore di 32 anni, il cui libro La più recondita memoria degli uomini...
    — Avvenire - Agorà, 4 agosto 2022
  • (...) Il 3 novembre, il senegalese Mohamed Mbougar Sarr è diventato a 31 anni il primo scrittore dell'Africa subsahariana a vincere il Goncourt, il Graal delle lettere francesi, per il suo romanzo La plus secrète mémoire des hommes (edito da Philippe Rey, in uscita in...
    — Internazionale, 12 novembre 2021
  • Scopriamo di più sullo scrittore Mohamed Mbougar Sarr, che ha conquistato il prestigioso Premio Goncourt 2021 con il romanzo “La plus secrète mémoire des hommes”, presto in libreria con la casa editrice E/O. Il più importante riconoscimento letterario francese,...
    — Sololibri, 10 novembre 2021
  • In un immaginario Paese africano, il Sumal, cinque uomini e due donne decidono di dare vita a un giornale “per dire no”, che si oppone alla barbarie, alla negazione dei diritti, alla giustizia sommaria che gli integralisti islamici della Fratellanza hanno instaurato nel Nord...
    — Mondo e missione, 27 gennaio 2020
  • La folla è agitata. Attende trepidante sin dalle primissime luci dell’alba. È impaziente. Sbuffa. Fischia. È pressoché incontenibile. Ormai non ce la fa più. Se deve succedere che succeda, che accada. Vuole il sangue. Vuole veder morire. È la Legge. È come una fiera...
    — Mangialibri, 31 agosto 2019
  • Il titolo originale è Terre ceinte – “terra cintata” –, che, per un voluto caso di omofonia possibile in francese, si può intendere anche come sainte: “santa”. La terra santa/soffocata in questione si trova nel Nord di un Paese africano immaginario (l’autore non...
    — Africa, 8 agosto 2019
  • Un ragazzo e una ragazza, nudi, torturati, vengono spinti verso il luogo dell’esecuzione. Hanno vent’anni, sono belli, non sono sposati, si amano. Per la Sharjah è gravissimo: sono impuri. I genitori li rinnegano pubblicamente. La legge islamica non riconosce i sentimenti:...
    — Sololibri, 31 luglio 2019

Letterature africane