Login
Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura francese

Valérie Perrin

Valérie Perrin

Valérie Perrin lavora da sempre nel mondo del cinema e per anni è stata fotografa di scena delle più importanti produzioni cinematografiche francesi, tra cui quelle del marito Claude Lelouch. Con Cambiare l’acqua ai fiori ha vinto il Prix Maison de la presse, il Prix Jules-Renard e il Prix des lecteurs du Livre de poche.

Tutti i libri di Valérie Perrin

Prossimi appuntamenti

30 gennaio ore 18:00
Valérie Perrin sarà ospite del festival "I giorni della merla", con Loredana Lipperini. L'evento sarà trasmesso in streaming.

Ultime recensioni

  • Il libro di Valerie Perrin si è conteso a lungo nel mio cuore con Dicker il posto di miglior romanzo letto nel 2020, ma poi ho deciso che la medaglia d'argento poteva essere un buon compromesso perché in fondo Cambiare l'acqua ai fiori mi ha lasciato un velo di malinconia,...
    — RTL 102,5, 31 dicembre 2020
  • La fotografa e scrittrice: «Nel confinamento da pandemia, ho imparato che si può vivere di piccole cose, come cambiare l’acqua ai fiori» «La fragilità si ostacola riconnettendosi alla terra»
    — Sette - Corriere della Sera, 27 novembre 2020
  • Tra i libri che abbiamo più amato in questa pandemia la storia di Violette, guardiana di un cimitero, che parla con i morti, si affeziona a chi rimane, dà nomi alle piante e alle cose. Non è strano: in questo tempo sradicato, la vita e la morte si sono ricongiunte in una dimensione...
    — Corriere della Sera, 26 novembre 2020
  • Con la storia di Violette, la custode di un cimitero di provincia, piena di umanità e dotata di una forte personalità, la scrittrice Valerie Perrin ha conquistato il pubblico di tutto il mondo. Il suo "Cambiare l'acqua ai fiori" è un vero e proprio caso letterario.
    — TG3, 24 novembre 2020
  • Scrive Italo Beccaria: «Grazie per Cambiare l'acqua ai fiori (titolo così così), che non avrei mai letto senza il suo autorevole avallo. Mi viene un dubbio: non è che l'ha scritto Claude Lelouch, il marito di Valérie Perrin? Provi a rileggere le pagine da 287 a 290. Siamo...
    — Sette - Corriere della Sera, 13 novembre 2020
  • Avanza veloce il secondo lockdown e torna a colpire duramente anche il mondo della cultura con la chiusura di teatri, cinema e musei. Il libro, riconosciuto dal governo bene essenziale, resiste insieme alle librerie, che restano aperte anche nelle zone rosse, quelle più colpite...
    — Ansa, 7 novembre 2020
  • Su Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin (edizioni e/o) non c’è molto da dire Se non che: fa sembrare bello lavorare in un cimitero. il libro potrebbe trasformarsi in un film capolavoro la protagonista ha il volto di Léa Seydoux, anche se è assurdamente...
    — Oggi, 6 novembre 2020
  • Il bestseller di Valérie Perrin, letto da Lucilla Giagnoni, è il romanzo che sarà al centro del primo appuntamento della rassegna Fiato ai libri, in onda su Bergamo Tv sabato 7 novembre. Un caso editoriale che vale la pena leggere e conoscere. Cambiare l’acqua ai...
    — L'Eco di Bergamo, 4 novembre 2020
  • Violette è la custode di un cimitero, e fin qui la storia potrebbe assumere toni “in minore”, ma dentro il luogo simbolo di Cambiare l’acqua ai fiori si trova in realtà un labirinto di storie intrecciate con abilità, misteri da scoprire, personaggi che si svelano. Un...
    — LuciaLibri, 1 novembre 2020
  • Leonardo Martinelli racconta la musica di Cambiare l'acqua ai fiori di Valérie Perrin. Ascolta il programma
    — Rai Radio 3, 30 ottobre 2020
  • Violette fa di mestiere la guardiana di un piccolo cimitero in Francia, i suoi vicini, nella descrizione che ne fornisce all’inizio, si definiscono quasi esclusivamente per privazione: “Non hanno preoccupazioni, non si innamorano, non si mangiano le unghie, non credono al...
    — Festival psicologia, 28 ottobre 2020
  • Un cimitero in Borgogna. Una protagonista, custode del cimitero, che ha il nome di un fiore, Violette, e mai nome potrebbe essere più adeguato per lei che imparerà ad amare i fiori, a coltivarli, a trovare in loro, nella loro perenne rinascita, una consolazione e nei loro colori...
    — Stradanove, 22 ottobre 2020
  • Vincitore nel 2018 del Prix Maison de la Presse, presieduto da Michel Bussi, con la seguente motivazione: “un romanzo sensibile, un libro che vi porta dalle lacrime alle risate con personaggi divertenti e commoventi”, Cambiare l’acqua ai fiori, della francese Valerie Perrin...
    — 900 Letterario, 14 ottobre 2020
  • Cambiare l’acqua ai fiori è il secondo romanzo di Valérie Perrin che confessa "c’è qualcosa più forte della morte, ed è la presenza degli assenti nella memoria dei vivi".
    — Marie Claire, 10 ottobre 2020
  • Da poco è tornata in tv su Rai Uno con il suo È sempre mezzogiorno: un bosco che simula quello di casa, le chiacchiere, le ricette. Non c'è dubbio: Antonella Clerici, 56, si è ripresa uno spazio televisivo che conosce bene. Intanto, in casa sua, quella vera, si rilassa e...
    — Diva, 7 ottobre 2020
  • Il nostro appuntamento con la lettura: vediamo con Loretta Cavaricci questa puntata di Eureka street, la via dei libri. Parliamo oggi di un vero fenomeno letterario internazionale, la scrittrice francese Valérie Perrin con il suo “Cambiare l'acqua ai fiori” - Guarda...
    — Rainews24, 7 ottobre 2020
  • Violette Toussaint (e il nome è tutto un programma) è la cinquantenne guardiana di un piccolo cimitero della Borgogna. Per indole (o forse per il suo passato difficile?), ama stare sola e occuparsi della manutenzione delle tombe e dei gatti che gironzolano per i vialetti del...
    — Passione per i libri, 7 ottobre 2020
  • Leggere Cambiare l’acqua ai fiori della francese Valérie Perrin (edizioni e/o, 2019) è per gli amanti della lettura un’esperienza totalitaria, poiché l’opera abbraccia diversi generi letterari, quali il romanzo sentimentale, quello di formazione, persino i toni del giallo,...
    — Nuove Pagine, 6 ottobre 2020
  • Cambiare l’acqua ai fiori di Valérie Perrin ( Edzioni e/o) è una di quelle storie che non ne ricordano altre. Non capita spesso, ma quando succede la lettura diventa sorprendente. Con stile sofisticato ma mai stucchevole, l’autrice, fotografa di scena in produzioni...
    — TGCOM24, 5 ottobre 2020

Letteratura francese