Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura svedese

Lena Andersson

Lena Andersson

Lena Andersson è nata a Stoccolma nel 1970. Scrittrice, conduttrice di programmi radiofonici e giornalista, collabora con le principali testate svedesi (critico letterario per Svenska Dagbladet e columnist per Dagens Nyheter) e con la rivista Fokus. Nel 2013 le è stato assegnato il prestigioso Premio August nella categoria narrativa per il suo romanzo Egenmäktigt förfarande. Il libro più recente di Lena Andersson si intitola Allvarligt talat (Detto seriamente, 2015) e si basa su un programma radiofonico con lo stesso nome che conduceva insieme ad altri scrittori, rispondendo alle domande esistenziali degli ascoltatori. Sottomissione volontaria (romanzo del 2013) è prima fra le sue opere a essere tradotta nel nostro paese.

Tutti i libri di Lena Andersson

Prossimi appuntamenti

Roma
dal 7 dicembre ore 00:00 al 11 dicembre ore 20:00
Vi presentiamo i nostri eventi alla Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, a Roma dal 7 all'11 dicembre.

Ultime recensioni

  • Un libro che si legge facile ma che brucia tra le mani per verità e capacità di inchiodare il lettore.
    — Gli Stati Generali, 23 gennaio 2017
  • Un romanzo da usare come salvavita quando si scivola sull'orlo di una relazione a senso unico. Un amuleto per le irriducibili degli amori farlocchi. Ester ha 31 anni, è una critica d'arte abbastanza nota, vive a Stoccolma con un compagno sbiadito, ma tranquillo. Lui è Hugo,...
    — Gioia, 19 gennaio 2017
  • Esther cede al fascino di Hugo. Ma Hugo non a quello di Esther. Piuttosto, la illude con un gioco perverso di parole e gesti che gettano le basi di un sofferto legame simile. Chi non ha vissuto una storia simile?
    — Io Donna, 14 gennaio 2017
  • Chi le pene d’amore le ha già patite trarrà conforto dalla lettura di questo libro. Chi ancora non le ha sperimentate verrà allertato dal diario di quello che, se ricambiato, sarebbe potuto diventare il più Tristano-Isotta, il più Giulietta-Romeo, il più Paolo-Francesca...
    — Libero, 12 gennaio 2017
  • La letteratura si fa bisturi dell'anima per indagare i rapporti fra la vittima e l'oppressore
    — Riders, 12 gennaio 2017
  • Questo libro è per ogni donna che pensa che la violenza di un uomo lasci tracce solo sul corpo. Per chi ha una passione che infuria dentro di sé e vuole condividerla ad ogni costo. Per chi è innamorato e per chi non lo è.
    — Libri in musica, 20 dicembre 2016
  • Ester vive a Stoccolma, ha trentun anni e un compagno che la lascia in pace e soddisfa le sue esigenze fisiche e mentali. Un giorno le viene chiesto di tenere una conferenza sull’artista Hugo Rast. Studiando a fondo gli scritti e le opere di questo, Ester s’innamora...
    — Rai Letteratura, 16 dicembre 2016
  • Ester Nilsson è una poetessa e saggista ma, sopra ogni altra cosa, critica e ammiratrice dell'artista Hugo Rask, che reputa un genio. Ed è proprio per Hugo, quando lo incontra a una conferenza di intellettuali svedesi, che Ester perde completamente la testa, interrompendo la...
    — Panorama.it, 15 dicembre 2016
  • Devo dire che,dal titolo, io mi aspettavo decisamente altro, o meglio, mi aspettavo si parlasse d'amore e, forse, paventavo un finale diverso. E devo anche aggiungere che, nonostante non sia il tema centrale del libro, alcune discussioni filosofiche usate da Ester per avere...
    — Letture sconclusionate, 10 dicembre 2016
  • Ester Nilsson ha 31 anni, una vita morigerata in cui tutto ha avuto modo di trovare il proprio posto. Laureata in filosofia, è certa che il gioco delle idee possa configurarsi disincarnato, neutrale. La scrittura, sia critica che poetica, è la sua attività principale. Ha un...
    — Il Manifesto, 10 dicembre 2016
  • Lena Andersson ha un talento particolare per raccontare storie d'amore non corrisposto. Il suo romanzo è un gioco serio che presto perde la sua giocosità e ci chiede se siamo davvero noi a scegliere le nostre vite. Lo stile è semplice e preciso, e questa concisione fa...
    — Internazionale, 9 dicembre 2016
  • Innamorarsi di chi non ci ama, ignorare l'evidenza e ostinarsi: sfiancante, anche doloroso. Ester Nilsson è una giovane poetessa. Ama le parole, le trova afrodisiache. Vive un rapporto quieto, solido con un uomo che la ama per come è. Le viene proposto di fare un intervento...
    — Tustyle, 29 novembre 2016
  • Ester è una di noi. Una donna cresciuta tra i libri e per i libri, convinta che prima o poi vivrà un amore travolgente come quello che ha conosciuto attraverso i testi. Vive a Stoccolma, ha trentun anni e un compagno che la lascia in pace e soddisfa le sue esigenze fisiche...
    — Volevo essere Jo March, 28 novembre 2016
  • La potenza distruttiva di un amore non corrisposto, un sentimento unilaterale che rende ciechi e schiavi di un’attesa infinita: solo l’attesa può essere un antidoto, seppur momentaneo, a quel dolore sordo che è la mancanza di reciprocità in una relazione affettiva. Per...
    — Il Mio Tg, 2 novembre 2016
  • Ester Nilsson è un'affermata poetessa svedese, intelligente quanto basta per sapere che essere amati non è un diritto. Ma la sua mente ipercritica non vuole rendersene conto. Aspetta gesti affettuosi che non ci saranno mai, parole d'amore che non verranno dette, sms che non...
    — F, 2 novembre 2016
  • Vincitrice del più prestigioso premio letterario svedese, la scrittrice Lena Andersson presenta (in traduzione italiana di Carmen Giorgetti Cima) un romanzo durissimo sul rapporto d’amore, anche se il termine non appare del tutto appropriato, fra una giovane poetessa e filosofa,...
    — SoloLibri, 28 ottobre 2016
  • Ester Nilsson, poetessa e saggista, perde la testa per l'artista Hugo Rask. Hugo la corteggia, sparisce per mesi, riappare e dopo fugaci incontri si defila, mentre Ester vive nella sua attesa. Romanzo intenso e crudele, sull'abisso dell'annullamento di sé in nome dell'amore.
    — Il Venerdì, 14 ottobre 2016
  • Premiato con l’August Prize, Sottomissione volontaria di Lena Andersson (in libreria a ottobre, traduzione di Carmen Giorgetti Cima) è il racconto di quanto siamo disposti a ingannare noi stessi nel nostro desiderio di essere amati, ma anche di quanto sia difficile non sfruttare...
    — La scampanata, 10 ottobre 2016