Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Autori italiani

Massimo Torre

Massimo Torre

Massimo Torre è nato a Napoli nel 1958. Vive a Roma. Sceneggiatore di film e serie televisive di successo, fa parte della giuria del Premio Solinas, il più prestigioso premio di sceneggiatura italiano. Per le Edizioni E/O ha pubblicato nel 2014 Chi ha paura di Pulcinella? e nel 2015 Uccidete Pulcinella.

Tutti i libri di Massimo Torre

Prossimi appuntamenti

Roma
4 dicembre
Tutti gli eventi e le presentazioni con gli autori E/O alla Fiera della piccola e media editoria di Roma.
30 agosto
Il racconto si ispira al tragico femminicidio della donna aggredita a Lucca, e di tutte le violenze in Italia contro le donne.
Roma
10 dicembre
Dal 6 al 10 dicembre 2017 presso il Convention Center La Nuvola (Viale Asia, Roma). Ci trovate allo Stand C34.

Ultime recensioni

  • "Non era stata la vendetta il suo fine, ma la giustizia. E la giustizia va difesa, va fatta rispettare momento per momento.” “La giustizia di Pulcinella” è il terzo capitolo della saga firmata Massimo Torre, riguardante proprio la figura di Pulcinella, una delle...
    — Contorni di noir, 5 marzo 2018
  • Pulcinella è sulla bocca di tutti, ormai. Da quando ha vendicato il parroco del quartiere Sanità appendendo a un gancio da macellaio il suo carnefice, tutti hanno potuto rendersi conto, all’istante, di quale fosse la posta in gioco: Pulcinella è uno che si trova dalla parte...
    — Mangialibri, 2 ottobre 2017
  • «La giustizia secondo Pulcinella è quella che permette a tutti gli uomini di vivere in condizioni dignitosi e di non essere sopraffatti dall'ingiustizia». Guarda il video
    — Tg2, 1 ottobre 2017
  • SI intitola “La giustizia di Pulcinella” il terzo romanzo della fortuna serie ideata da Massimo Torre e pubblicata da E/O, stavolta nella Collezione Sabot/age diretta da Colomba Rossi e curata da Massimo Carlotto. Una promozione ampiamente meritata visto che, della trilogia,...
    — La Repubblica Napoli, 30 settembre 2017
  • 1) Vieni dal mondo del cinema e della televisione, come è stato l’approccio alla scrittura di romanzi? Che difficoltà ha riscontrato e quali sono le differenze sostanziali tra la scrittura di sceneggiature e quella di narrativa? Ho cominciato molto presto scrivendo...
    — Thrillernord, 8 settembre 2017
  • Massimo Torre nel 2014 ha pubblicato “Chi ha paura di Pulcinella?” a cui ha fatto seguito nel 2015 “Uccidete Pulcinella”; ora torna con “La giustizia di Pulcinella”. Il sito web lagiustiziadiPulcinella.it funziona a pieno ritmo, indirizzando alla Questura centrale...
    — Sololibri, 31 agosto 2017
  • Nel terzo libro di Massimo Torre, penultimo della tetralogia già annunciata, ritroviamo il protagonista Pulcinella, celebre maschera della tradizione partenopea. Pulcinella può essere paragonato a un supereroe, un po’ Batman e un po’ Spiderman, di giorno “tuttaio”...
    — Thrillernord, 2 agosto 2017
  • Massimo Torre è nato a Napoli nel 1958 e vive a Roma. Sceneggiatore di film e serie televisive di successo, fa parte della giuria del Premio Solinas, il più prestigioso premio di sceneggiatura italiano. Per le Edizioni e/o ha pubblicato nel 2014 Chi ha paura di Pulcinella?
    — Libro guerriero, 30 luglio 2017
  • Un romanzo per palati raffinati e che prosegue la bella favola della maschera che sa parlare al cuore e alla coscienza di chi voglia capire.
    — Milanonera, 3 luglio 2017
  • Torna il supereroe Pulcinella, protagonista della nuova puntata di una saga iniziata tre anni fa da Massimo Torre, sceneggiatore napoletano trasferitosi a Roma. In La giustizia di Pulcinella (edizioni e/o,pagine 176, euro 15) la maschera dalla Sanità va in trasferta a Roma,...
    — Il Mattino, 1 luglio 2017
  • Lo scrittore e sceneggiatore Massimo Torre ha presentato nella libreria Pallotta il nuovo romanzo, intitolato «La giustizia di Pulcinella»
    — Corriere TV Roma, 9 giugno 2017
  • Un'antologia di nove racconti gialli capaci di tenere i lettori con il fiato sospeso fino all'ultima pagina. Massimo Carlotto, Luca Poldelmengo e gli altri autori della E/O riprendono i loro personaggi più importanti calandoli in uno scenario meno consueto, quello dei giochi...
    — Panorama.it, 9 dicembre 2016
  • L’altra metà della medaglia (o della moneta), di solito, è una croce. La probabilità avversa, l’evenienza tragica, l’ignoto spaventevole. La croce controbilancia la testa, il lato che tutti vogliono.Scegliere la croce è roba da impavidi. Vuol dire non fermarsi alla...
    — Narcomafie, 12 ottobre 2016
  • Nell’antologia di racconti Giochi di ruolo al Maracanã il mondo dello sport, anche quello paralimpico, diventa lo sfondo sul quale si muovono investigatori e personaggi coinvolti in storie criminali fra doping, omicidi passionali e altri delitti. In Pur di vincere Patrizia...
    — SuperAbile Inail, 5 ottobre 2016
  • Mentre gli occhi di tutto il mondo sono puntati sulle competizioni delle Olimpiadi di Rio 2016, nove vicende noir prendono vita nella città olimpionica e non solo. Si va dal Brasile all’Italia, da casi di omicidio ad altri di estorsione, da vicende di prostituzione...
    — Mondo rosa shokking, 22 settembre 2016
  • Spesso, se non praticamente sempre, in un romanzo thriller a fare la differenza sono le sfumature, dettagli di colore che ci portano a scoprire (insieme al protagonista) l'intreccio di mistero che si cela dietro gli eventi narrati. Se dunque il cromatismo ha un suo perché,...
    — Gazzetta dello Sport, 15 settembre 2016
  • La scuderia E/O schiera uno squadrone alle olimpiadi di Rio Nove degli scrittori italiani più rappresentativi e “padri” di personaggi seriali, mettono in gioco i loro amati protagonisti. Certo, lo scenario scelto è uno dei migliori possibili per degli noiristi abituati...
    — Milanonera, 26 agosto 2016
  • "E' anche perché queste Olimpiadi non finissero come i Mondiali in Argentina del 1978, con i media che coprivano il caso dei desaparecidos, che è nato un libro come questo". Massimo Carlotto parla così di Giochi di ruolo al Maracanà, pubblicato da Edizioni E/O, progetto di...
    — Tiscali - Spettacoli e Cultura, 16 agosto 2016
  • Dimenticate lo spirito olimpico, in queste storie gialle e nere l’importante non è partecipare, ma uscirne vivi. Mettete da parte il Brasile da cartolina e da guida turistica, in questi racconti non si fanno sconti a un Paese e ai suoi mali (corruzione, disuguaglianze sociali,...
    — Corriere della Sera, 16 agosto 2016
  • «Seguo con attenzione le tensioni sociali che attraversano il Brasile e mi spaventa il livello di violenza, anche da parte delle istituzioni. Indagare in Brasile significa rischiare la vita.
    — Tuttosport, 5 agosto 2016

Autori italiani