Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura francese

Mathias Enard

Mathias Enard

Mathias Enard è nato nel 1972. Dopo essersi formato in storia dell’arte all’École du Louvre, ha studiato arabo e persiano. Dopo lunghi soggiorni in Medio Oriente, nel 2000 si stabilisce a Barcellona, dove collabora a diverse riviste culturali. All’attività di professore di arabo all’università autonoma di Barcellona affianca quella di traduttore. Fra le sue opere ricordiamo Breviario per Aspiranti terroristi (Nutrimenti), Zona (Rizzoli), Parlami di battaglie, di re e di elefanti (Rizzoli), Via dei ladri (Rizzoli). Con Bussola (Edizioni E/O 2016) ha vinto il premio Goncourt e il Von Rezzori ed è stato finalista al Man Booker International prize e al Premio Strega Europeo.

Tutti i libri di Mathias Enard

Prossimi appuntamenti

Il romanzo di Mathias Enard, Bussola, pubblicato dalle Edizioni E/O nel 2016, è stato selezionato nella longlist del Man Booker International Prize 2017
Il romanzo di Mathias Enard, Bussola, già vincitore del Premio Goncourt 2015 e candidato al Man Booker Prize International 2017, è nella longlist del Premio Gregor Von Rezzori 2017
Il romanzo di Mathias Enard, Bussola, pubblicato dalle Edizioni E/O nel 2016, è stato selezionato nella shortlist del Man Booker International Prize 2017
È con grande soddisfazione che annunciamo che il romanzo di Mathias Enard, Bussola, pubblicato dalle Edizioni E/O nel 2016, è stato selezionato nella shortlist del Premio Gregor von Rezzori 2017.

Ultime recensioni

  • L’alcol e la nostalgia di Mathias Enard (Edizioni e/o) nasce come fiction radiofonica trasmessa da France Culture, e successivamente diviene romanzo. Enard, attraverso la voce di Mathias, ci racconta di un amore a tre sofferto e doloroso utilizzando l’espediente di...
    — Spore Poetiche, 3 maggio 2018
  • «Viviamo in un mondo globalizzato, in cui tutti cercano di esercitare il proprio potere sopra gli altri, ricorrendo anche alle armi: come dimostra quanto sta accadendo oggi in Siria, quelle che potrebbero essere derubricate a piccole diatribe locali vengono conseguentemente...
    — EastWest.eu, 1 maggio 2018
  • Mathias Enard, vincitore del premio Goncourt 2015 con Bussola, ha scritto un piccolo gioiello denso di sentimenti e riflessioni uscito in Italia lo scorso ottobre. L’alcol e la nostalgia, pubblicato dalle Edizioni e/o nell’impeccabile traduzione dal francese di Yasmina Melaouah,...
    — Il rifugio dell'ircocervo, 19 aprile 2018
  • Il turismo come forma dell'antropologia contemporanea. Quale letteratura può corrispondervi? Non più gli scrittori-esploratori dell'antichità e del Medioevo, non più gli scrittori-viaggiatori della modernità. Nello stesso anno, nel 2011, sono usciti in Francia due libri...
    — La Lettura - Corriere della Sera, 18 marzo 2018
  • Con i romanzi Zona e il più recente Bussola lo scrittore francese Mathias Enard si è imposto come uno tra i più importanti autori europei di oggi, per lo sguardo largo e ampio sui rapporti tra il pensiero occidentale e le altre culture. Dopo lunghi soggiorni in Medio Oriente,...
    — Avvenire, 2 febbraio 2018
  • Autore francese, anche relativamente giovane (classe 72), Mathias Enard aveva vinto un Goncourt con il romanzo precedente, Bussola, nel 2016. Questo è un libriccino di poco più di 100 pagine ma la sua intensità è inversamente proporzionale alla mole. Tratta del rapporto tra...
    — Riccardo Caldara, 29 gennaio 2018
  • È una parola visionaria, erudita, sapiente e straziata quella a cui ci ha abituati Mathias Enard, premio Goncourt 2015 per Bussola, un libro in cui descriveva le ferite della storia d'amore tra Oriente e Occidente. In L'alcol e la nostalgia Enard ci trasporta invece in Russia,...
    — Il Reportage, 12 gennaio 2018
  • C’è una fase della vita in cui l’amore ha il sapore dell’assoluto e in mezzo a quel battere di cuore si fanno spazio sentimenti altrettanto giganteschi come l’amicizia. Ma non un’amicizia qualunque. Un’amicizia da “tutti per uno, uno per tutti”, quella per cui...
    — L'Indiependente, 8 gennaio 2018
  • Se Bussola era il libro dell’amore “impossibile” tra Oriente e Occidente, L’alcol e la nostalgia è il romanzo di un altro sofferto rapporto: quello tra Occidente e Russia. È la storia di un interminabile viaggio in treno verso la Siberia, intrapreso da Mathias...
    — Thrillernord, 21 dicembre 2017
  • Fiumi di inchiostro, sia da parte dei romanzieri che della critica, si sono versati sui cosiddetti triangoli amorosi, come se la perfetta geometria, quantomeno ai fini narratologici, prevedesse soltanto tre vertici e tre lati, con una somma degli angoli interni costante di 180°.
    — Libro breve, 18 dicembre 2017
  • Conosciamo il francese Mathias Énard con romanzoni ambiziosi come Zona o Bussola, ma lo ritroviamo adesso con questo smilzo L´alcol e la nostalgia, nato peraltro come "dramma" radiofonico, cosa che si nota in una certa orale torrenzialità della prosa. Ma sappiamo che queste...
    — Recensire il mondo, 17 dicembre 2017
  • “L’alcol e la nostalgia” di Mathias Enard è un pretesto letterario per fare i conti con l’addio della giovinezza, con miti e fantasmi della Grande Madre Russia e con due secoli, il XIX e il XX" Non può fare a meno di guardare verso Oriente, il francese Mathias...
    — LuciaLibri, 16 dicembre 2017
  • Questi libri sono per chi sogna di viaggiare a bordo della Transiberiana. Per chi ama i romanzi in cui viaggio e letteratura si incontrano. Per chi è sedotto e spaventato dalla Russia. Un anno fa, in questi giorni, consegnavo la mia scheda di partecipazione a Italian...
    — Libri in musica, 4 dicembre 2017
  • Un triangolo amoroso immortalato da uno dei più interessanti autori della scena francese e non solo. È «L’alcol e la nostalgia» (120 pagine, 12 euro) di Mathias Enard, pubblicata da e/o, con traduzione d’autore, firmata Yasmina Melaouah. Si dipana più di un viaggio,...
    — Il Giornale di Sicilia, 30 novembre 2017
  • Da Parigi fino al cuore più remoto della Russia. Viaggio metaforico lungo la Transiberiana, tra ricordi personali e grande letteratura russa. Una dichiarazione d'amore (per i grandi libri e l'Est profondo) dall'autore Premio Goncourt 2015.
    — Marie Claire Maison, 30 novembre 2017
  • Il suo Bussola ha vinto il premio Goncourt nel 2015, dopo avere sfiorato il Man Booker International Prize. In Italia ha vinto il premio Von Rezzori. Mathias Enard viene presentato come uno scrittore erudito, come un intellettuale che sfida il suo lettore, non accontentandosi...
    — Esquire, 29 novembre 2017
  • Dopo l'intricato, complesso, stratificato resoconto di un difficile dialogo con gli Orienti che era l'ottimo Bussola, e/o ripropone un altro viaggio di Enard, più breve (nella foliazione, forse non nei chilometri), più personale, forse più doloroso. Un viaggio in treno attraverso...
    — Blow Up, 29 novembre 2017
  • «Le ho dato un bacio sulla fronte, poi sugli occhi, abbiamo avuto un tremito. C’è stata come un’esplosione silenziosa, e me ne sono andato.» L’amore e i ricordi, il peso della memoria che non spazza via niente. La nostra scatola nera delle emozioni, dove tutto...
    — Sul romanzo, 21 novembre 2017
  • Aveva ragione Giorgio Manganelli, nel ritenere che, tra le peculiarità dell’uomo, la più specifica, la più bizzarramente significativa sia quella di essere un animale viaggiante? L’eventuale conferma di una simile ipotesi non può che passare per la definizione di cosa...
    — Tommaso Pincio, 19 novembre 2017

Letteratura francese