Seguici

Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Simone de Beauvoir

Sulla liberazione della donna

Cover: Sulla liberazione della donna - Simone de Beauvoir

Simone de Beauvoir

Sulla liberazione della donna

ottobre 2019, pp. 96, e-Book
ISBN: 9788833571737
Area geografica: Letteratura francese
Collana: eBook
Edizione cartacea Edizione cartacea Edizione cartacea
€ 6,99
Come acquistare Come acquistare Come acquistare

Il libro

A cura di Anna Maria Verna

«Penso che ci siano due soluzioni: rifiutare tutti gli strumenti che ci vengono proposti dalla cultura maschile o, al contrario, impossessarsene».
Simone de Beauvoir

Sulla liberazione della donna è una attualissima, straordinaria intervista con Simone de Beauvoir che le venne fatta nel lontano 1977 per la rivista “Ombre rosse” da Anna Maria Verna.

In questo colloquio, pubblicato qui per la prima volta nella versione integrale, la scrittrice affronta i temi più importanti del pensiero femminista che animavano e animano ancora il dibattito di questo movimento.

Recensioni

Volumi correlati per appartenenza geografica

  • Cover: Uno strano paese - Muriel Barbery

    Muriel Barbery

    Uno strano paese

    2020, pp. 256, € 18,00
    Dall’autrice dell’ Eleganza del riccio, una nuova, grande avventura narrativa.
  • Cover: A sua immagine - Jérôme Ferrari

    Jérôme Ferrari

    A sua immagine

    2020, pp. 176, € 16,00
    Un romanzo d’amore, di morte e di lotta, che vola sulle ali della trascinante prosa di Jérôme Ferrari.
  • Cover: Salina. I tre esili - Laurent Gaudé

    Laurent Gaudé

    Salina. I tre esili

    2020, pp. 160, € 15,00
    Salina, come già La morte di re Tsongor, fa parte del filone delle storie arcaiche in cui Laurent Gaudé racconta un mondo antico, dell’uomo,...
  • Cover: La traversata - Philippe Lançon

    Philippe Lançon

    La traversata

    2020, pp. 464, € 19,00
    A cinque anni dall'attentato alla sede di Charlie Hebdo, esce in Italia il libro che ha saputo raccontare alla Francia e al mondo il dramma di un...
  • Cover: Il teatro e la crudeltà - Antonin Artaud

    Antonin Artaud

    Il teatro e la crudeltà

    2019, pp. 160, € 11,00
    In un tempo in cui tutto appare teatro, e tanta la crudeltà, il saggio di Artaud ci consegna strumenti potenti per capire il presente
  • Cover: Forse ho sognato troppo - Michel Bussi

    Michel Bussi

    Forse ho sognato troppo

    2019, pp. 432, € 17,00
    Più che mai ricco di colpi di scena, Forse ho sognato troppo è anche e soprattutto una storia d’amore senza tempo, il che non impedisce il...

Scopri anche

  • Cover: Come cambia l'Italia. Discontinuità e continuismo - Giuseppe De Rita

    Giuseppe De Rita

    Come cambia l'Italia. Discontinuità e continuismo

    2020, pp. 80, € 8,00
    Durante la sua lunga militanza di osservatore della società italiana, come fondatore e presidente del Censis, Giuseppe De Rita ha spesso fatto ricorso...
  • Cover: Il teatro e la crudeltà - Antonin Artaud

    Antonin Artaud

    Il teatro e la crudeltà

    2019, pp. 160, € 11,00
    In un tempo in cui tutto appare teatro, e tanta la crudeltà, il saggio di Artaud ci consegna strumenti potenti per capire il presente
  • Cover: L'Italia secondo Fellini - Goffredo Fofi, Piergiorgio Giacchè, Emiliano Morreale, Gianni Volpe

    Goffredo Fofi, Piergiorgio Giacchè, Emiliano Morreale, Gianni Volpe

    L'Italia secondo Fellini

    2019, pp. 96, € 8,00
    A cent’anni dalla nascita di Fellini un omaggio al grande maestro del cinema italiano
  • Cover: Gesù il Cristo - Ernesto Buonaiuti

    Ernesto Buonaiuti

    Gesù il Cristo

    2019, pp. 96, € 8,00
    «Alla saturazione della iniquità politica non soccorre che un rimedio salutare: contrapporre al male che dilaga, la speranza inerme e la rinuncia...
  • Cover: Noi, l'Europa - Laurent Gaudé

    Laurent Gaudé

    Noi, l'Europa

    2019, pp. 216, € 15,00
    Una storia d’Europa come non l’avete mai letta.
  • Cover: Vita su un pianeta nervoso - Matt Haig

    Matt Haig

    Vita su un pianeta nervoso

    2019, pp. 416, € 15,00
    E se il mondo in cui viviamo fosse congegnato per renderci infelici? E se invece potessimo fare qualcosa al riguardo?