Login
Facebook
Twitter
Instagram
Newsletter

Letteratura francese

Philippe Lançon

Philippe Lançon

Philippe Lançon è nato nel 1963 a Vanves. Giornalista e scrittore, scrive per Libération ed è editorialista e giornalista culturale per Charlie Hebdo. Ferito nell'attentato del 7 gennaio, ha affrontato nove mesi di ospedale e 15 operazioni. La traversata è il suo ultimo libro, il primo a essere pubblicato nel nostro paese. Nel 2018 ha vinto il Prix Fémina e il Prix Renaudot Special, è stato inoltre finalista al Prix Médicis e Prix Interallié.

Tutti i libri di Philippe Lançon

Prossimi appuntamenti

La traversata di Philippe Lançon, tradotto dal francese da Alberto Bracci Testasecca, è nella Longlist del Premio Gregor Von Rezzori.
Philippe Lançon tra i cinque finalisti del Premio Gregor von Rezzori–Città di Firenze 2020

Ultime recensioni

  • Uscito in Francia nel 2018, dove ha vinto il premio Femina e quello Renaudot, e a gennaio è arrivato in Italia per e/o, quello di Philippe Lançon è per Silvia Schirinzi «un libro colto, pieno di pezzi di storia di Francia e di vita del suo autore, critico culturale per Libération...
    — Rivista Studio, 1 luglio 2020
  • Ho seguito gli attentati in Europa tra il 2015 e il 2016 dalla redazione di un giornale (questo) occupandomi però di altro. Quando ci penso sento di non avere un quadro completo degli avvenimenti: ci sono stati gli attentati, ma dopo? Ci ho ripensato di recente, abbastanza a...
    — Il Post, 18 giugno 2020
  • Il 7 gennaio del 2015 Philippe Lançon partecipa a una riunione di redazione presso gli uffici del giornale satirico Charlie Hebdo, del quale è collaboratore. Arriva in ritardo quella mattina e cerca, senza trovarla, una copia del giornale: se la fa prestare dal collega Honoré,...
    — Visto, 11 giugno 2020
  • Quella fredda mattina del 7 gennaio 2015 Philippe Lançon è alla riunione di Charlie Hebdo, il settimanale satirico al quale collabora. È la prima dopo la pausa delle festività natalizie, non è obbligato ma gli fa piacere esserci. Philippe è un giornalista culturale di quasi...
    — Il Reportage, 30 maggio 2020
  • Maylis de Kerangal in conversazione con Philippe Lançon, scrittore Francese, finalista al Premio Gregor Von Rezzori con il suo libro "La traversata", uscito in Italia con Edizioni e/o., tradotto da Alberto Bracci Testasecca.
    — Santa Maddalena Foundation, 27 maggio 2020
  • Rawi Hage, Khaled Khalifa, Philippe Lançon, Richard Powers, Samanta Schweblin. Sono gli scrittori protagonisti dell’edizione 2020 del Premio Gregor von Rezzori, che avrebbero dovuto ritrovarsi a Firenze dal 26 al 28 maggio per una serie di incontri con i lettori e con i loro...
    — La Repubblica - Firenze, 22 maggio 2020
  • Si può morire per una caricatura, un disegno satirico, una battuta di spirito? Il 7 gennaio 2015, a Parigi, per una vignetta su Maometto sono stati uccisi in dodici e undici sono rimasti feriti, nella sede del settimanale satirico Charlie Hebdo. Quella mattina, per la riunione...
    — Sololibri, 1 maggio 2020
  • — Radio Capital, 26 aprile 2020
  • Philippe Lançon è un giornalista francese che scrive per due testate parigine, il quotidiano “Libération” e il settimanale satirico “Charlie Hebdo”. La mattina di mercoledì 7 gennaio 2015 si trova a dover passare da entrambe le redazioni: in quella della rivista perché...
    — Mangialibri, 17 aprile 2020
  • Prosegue l'appuntamento quotidiano con le letture suggerite da Remo Andrea Politeo della Libreria Moderna di via Cavour, a Udine, per trascorrere un po' del tempo che abbiamo a disposizione durante questa quarantena forzata, determinata dall'emergenza Coronavirus. "I librai...
    — Il Friuli, 9 aprile 2020
  • Un tipo di reazione analoga scatena anche il libro di Philippe Lançon La traversata, appena tradotto da Alberto Bracci Testasecca per le Edizione E/O. Philippe Lançon è uno degli undici sopravvissuti, dodici furono invece i morti, alla strage del 7 gennaio 2015 presso la redazione...
    — L'indiscreto, 13 marzo 2020
  • In un buon romanzo l’importante non è quasi mai la storia in sé, ma il modo in cui viene raccontata. A fare di un amore tormentato materia romanzesca è Tolstoj, non il fatto che Anna Karenina si sia buttata sotto un treno. A rendere un ragazzino segaiolo il simbolo di un...
    — Il Piccolo, 28 febbraio 2020
  • Le ferite dell’anima e del corpo di un superstite dell’attentato a Charlie Hebdo Il giornalista Philippe Lançon ricostruisce i mesi successivi all’attacco del 2015 che gli ha devastato il volto. Dopo 15 interventi ne porta ancora i segni Il 17...
    — Famiglia Cristiana, 26 febbraio 2020
  • Immaginate di essere ad una riunione con dei colleghi prima dell’uscita di un pezzo importante per la rivista, o di star bevendo un caffè mentre prendete pigramente degli appunti su di un quadernetto. Il rumore di una mitraglia squarcia l’aria. E’ il 7 Gennaio 2015 nella...
    — Satisfiction, 25 febbraio 2020
  • Dal minuto 3:00. Ho letto un libro potente e sincero. L’autore è Philippe Lançon, un giornalista che il 7 gennaio del 2015 è a Parigi alla consueta riunione di redazione della rivista satirica Charlie Hebdo. Se ne va presto, perché oltre a fare...
    — Radio 24 - Il Sole 24 Ore, 16 febbraio 2020
  • Quando hai tra le mani, leggi alcune pagine, sfogli La Traversata di Philippe Lancon (Edizioni E/O), devi semplicemente rimanere in silenzio. Primo perché Lancon è uno dei sopravvissuti alla strage compiuta da due terroristi islamici il 7 gennaio 2015 nella redazione del settimanale...
    — IlFattoQuotidiano.it, 3 febbraio 2020
  • Mentre noi hashtaggavamo inferociti #JeSuisCharlie, in molti casi senza aver mai sentito prima il nome della rivista satirica francese né tantomeno averne letto un numero, Philippe Lançon era in una camera d’ospedale con un buco nella mascella. Un terzo del suo volto era...
    — Rivista Studio, 31 gennaio 2020
  • 5 anni sono passati dal 7 Gennaio 2015, 5 anni dall’attentato terroristico all’interno della redazione Charlie Hebdo. Dopo 5 anni esce in Italia il libro di chi, da quell’attentato, ne è uscito apparentemente vivo anche se, letteralmente, a pezzi. Philippe Lançon intitola...
    — Thrillernord, 30 gennaio 2020
  • Due libri appassionanti che raccontano una rinascita, nel senso esatto di una nuova nascita, di un viaggio andata a ritorno dal rischio del nulla a un’esistenza diversa da quella che un grande trauma aveva spezzato, di un percorso di dolore, delle sue angosce, della sua infelicità...
    — Corriere della Sera, 27 gennaio 2020
  • — Matteo Fumagalli, 26 gennaio 2020

Letteratura francese